L’azoto rappresenta anche una minaccia per la salute pubblica

L’azoto rappresenta anche una minaccia per la salute pubblica

Raccolta di semi di soia nello stato americano della Carolina del Nord.  Statuetta Charles Mostoller / Reuters

Raccolta di semi di soia nello stato americano della Carolina del Nord.Statuetta Charles Mostoller / Reuters

I problemi causati dall’inquinamento da azoto sono molto più grandi di quanto molti pensino. Non si tratta tanto delle ortiche che soppiantano specie vegetali rare, ma principalmente dell’aumento dell’acidificazione del suolo, causando la rimozione e la perdita di calce, magnesio e altri nutrienti, importanti per piante, insetti e uccelli.

Questo danno non può essere riparato semplicemente con le misure di ripristino della natura. Questi sono utili solo se l’inquinamento da azoto è stato prima significativamente ridotto.

Circa l’autore

Frank Berendse è Professore di Gestione della Natura all’Università di Wageningen e all’Università di Utrecht.

In tutte le discussioni, il cuore del problema viene sempre ignorato: lo squilibrio del bilancio azotato dell’agricoltura olandese. Oltre alla fornitura di fertilizzanti (220 milioni di chilogrammi di azoto), ogni anno nel nostro Paese entrano 415 milioni di chilogrammi di azoto sotto forma di concentrati (principalmente semi di soia) importati dagli Stati Uniti e dal Brasile. Nell’allevamento olandese, solo un terzo di questi input viene assunto sotto forma di prodotti. Ciò lascia un’eccedenza inaccettabile di azoto che inquina l’atmosfera sotto forma di ammoniaca e contamina le acque sotterranee sotto forma di nitrato.

Catastrofico

Le conseguenze sono disastrose, non solo per la natura olandese, ma anche per la salute pubblica. Finora si è prestata poca attenzione alle sostanze che finiscono nel letame tramite mangimi o droghe e poi si diffondono nel terreno. I semi di soia importati sono sistematicamente contaminati da insetticidi. Le stive delle navi sono trattate con il prodotto altamente tossico cipermetrina per proteggere il carico dai danni degli insetti.

L’uso di antibiotici è leggermente diminuito, ma grandi quantità finiscono ancora nel letame. Le conseguenze negative di questi insetticidi per gli uccelli delle praterie olandesi sono ora ampiamente note, ma si sa meno sulle conseguenze degli antibiotici che finiscono nel suolo attraverso il letame.

sistema immune

Negli ultimi decenni sono sistematicamente aumentate le malattie derivanti da un sistema immunitario poco sviluppato (asma, raffreddore da fieno, ma anche sclerosi multipla e varie forme di cancro). Normalmente il nostro sistema immunitario è allenato nei primi anni di vita dagli attacchi di batteri innocui.

I bambini crescono sempre più in un ambiente urbano relativamente sterile dove il rischio di un sistema immunitario sottosviluppato è maggiore, Secondo la ricerca. Non è difficile intuire quali saranno le conseguenze per la salute pubblica nazionale se la campagna si sviluppa ulteriormente in un ambiente sterile e morto come l’ambiente urbano.

Una vera soluzione al problema dell’azoto è possibile solo se l’apporto di concentrati e fertilizzanti viene notevolmente ridotto, in modo che gli agricoltori inizino a utilizzare il foraggio coltivato nella propria terra o in quella dei vicini. Il risultato inevitabile è quindi una mandria molto più piccola. La grande domanda è se ciò sia economicamente possibile e se creerà una reale prospettiva per il futuro degli agricoltori (con un reddito familiare ragionevole).

prezzo più alto

Questo è possibile solo se l’agricoltore riceve un prezzo più alto per i suoi prodotti. Allo stesso tempo, il cibo prodotto in modi meno inquinanti non dovrebbe diventare più costoso, ma più economico dei prodotti coltivati ​​con molto veleno, antibiotici e concentrati provenienti dall’America e dal Brasile.

Attualmente questi prodotti puliti sono più costosi in modo che la loro quota di mercato difficilmente aumenti. Ciò può essere annullato con misure fiscali, ad esempio con un’imposta progressiva sulle quantità di concentrati e pesticidi acquistati per ettaro. In questo modo, il chilo blaster diventa automaticamente più costoso, mentre la frutta e la verdura non sabbiate rimangono convenienti, almeno relativamente.

Nicotina

Di per sé, tali politiche fiscali non sono così speciali. Molti consumi socialmente indesiderabili (alcool, nicotina o bibite zuccherate) sono quindi scoraggiati. Nonostante ciò, c’è una resistenza parlamentare, poiché un prezzo più alto dei generi alimentari influisce direttamente sui tanto discussi grafici del potere d’acquisto. Nelle circostanze attuali, ci vuole coraggio politico per dire ai consumatori che in futuro pagheranno di più per il loro cibo.

Questo sarà accompagnato da un approccio diverso al cibo: imballaggi più piccoli al supermercato e meno rifiuti a casa. I prezzi più elevati non saranno quindi completamente compensati. Ma il cibo che poi i consumatori acquistano viene prodotto in un paesaggio dove la natura può riprendersi e che non rappresenta più una minaccia per la salute pubblica nel nostro Paese.

Vuoi rispondere? Invia un contributo di opinione (max 700 parole) a [email protected] o una lettera (max 200 parole) a [email protected]

READ  Si moltiplicano le critiche ai modelli climatici: "Sono ipotesi folli e futuristiche"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *