Le misure Corona sono state revocate, perché Evenepoel ha lasciato di nuovo il Giro d’Italia?

Le misure Corona sono state revocate, perché Evenepoel ha lasciato di nuovo il Giro d’Italia?

Remco Evenepoel domenica dopo la cronometro vinta.  Foto BELGA

Remco Evenepoel domenica dopo la cronometro vinta.Foto BELGA

Un ciclista contagiato è costretto a lasciare un grande giro come il Giro?

No, tutti i protocolli e le misure applicati durante gli anni della corona – come mascherine e test obbligatori – sono stati completamente aboliti nelle gare ciclistiche. Dopo essere uscito da Evenepoel, le cose potrebbero cambiare durante questo Giro oa luglio quando si svolgerà il Tour de France. Il campione del mondo è tornato a casa dopo un test corona positivo, effettuato volontariamente dal suo team Soudal Quick-Step.

Per lo stesso motivo, durante questo Giro sono già tornati a casa corridori come l’esperto velocista olandese Ramon Sinkeldam, lo specialista delle cronometro Filippo Ganna e il corridore di classifica Rigoberto Urán. Potrebbero seguire corridori più importanti nelle due settimane che dura il Giro d’Italia, ma ci saranno anche, forse, corridori anonimi, che continueranno a guidare la bici nonostante un’infezione.

Perché Evenepoel se n’è andato dopotutto?

La sua partenza è volontaria come la sua prova. Chi indossava la maglia rosa di leader poteva scommettere che le sue lamentele (fiutava da qualche giorno) sarebbero diminuite dopo il giorno di riposo di lunedì e le tappe piatte di martedì e mercoledì.

Circa l’autore
Robert Giebels prescrive di Volkskrant di ciclismo e Formula 1. È stato corrispondente in Asia, ha scritto di economia e ha vinto il premio giornalistico De Tegel come giornalista politico.

Ma il capo squadra Patrick Lefevere afferma di non voler correre alcun rischio con la salute del suo pilota più importante. Lefevere ha detto in precedenza che un ciclista Quick-Step con infezione da corona sarebbe stato immediatamente sospeso e avrebbe potuto iniziare a pedalare solo dopo un esame cardiaco approfondito.

Alla domanda del giornalista di ciclismo Raymond Kerckhoffs se i ciclisti devono ancora cavarsela con il coronavirus, Lefevere ha risposto via Twitter: “Sì Raymond, non sai mai cosa succede sotto la pelle”. Non è un lavoro dalle 9 alle 5. Nessun rischio.

Quali sono i rischi di continuare?

Anche il virologo nazionale belga, Marc Van Ranst, pensa che non sia una buona idea continuare a pedalare, ha detto a Sporza. Esporre un atleta di alto livello infetto a un evento così pesante per altre due settimane è giocare con il fuoco. Non solo per l’atleta stesso, ha spiegato Van Ranst, ma anche per i suoi compagni di squadra. “Non riesci a contagiare tutti lì, anche ora che il virus è meno forte di prima”. Inoltre, dice Van Ranst: “Non puoi vincere il Giro con il covid”.

Il fisiologo dell’esercizio fisico Jan Bourgois afferma in Il giornale che la drammatica decisione del 23enne grande favorito per la vittoria assoluta è stata l’unica buona. Sottolinea le conseguenze potenzialmente gravi a lungo termine, il rischio di danni agli organi, l’impatto negativo sulla resistenza e la grave stanchezza a lungo termine. “Remco è ancora così giovane, dice Bourgois, dobbiamo garantire il suo futuro.

Cosa significa questo sportivamente per il resto del Giro?

Il verdetto nel gruppo è unanime: Evenepoel ha offerto una prestazione ammirevole vincendo un evento di resistenza infetto e difficile come la cronometro di domenica. Lo stesso pilota era molto insoddisfatto della sua guida, aveva un brutto aspetto, tirava su col naso ed esprimeva speranza: “Spero che non sia un virus”.

Con la sua partenza il Giro perde il suo spettacolo, per via dei cinque o sei uomini che avrebbero lottato per la vittoria, il più grande contendente viene eliminato. Dietro il nome del vincitore del 28 maggio arriva la nota a piè di pagina che ha vinto in assenza di Evenepoel e forse anche di più favoriti.

Primoz Roglic della Jumbo-Visma, ora secondo in classifica generale, ha annunciato al nuovo numero 1 (2 secondi di vantaggio), Geraint Thomas, di avere il corona. Non è ancora chiaro quanto seriamente debbano essere presi i due famigerati burloni. ‘Completa assurdità’, comunque, è il commento dei capi squadra di Roglic.

Thomas e il compagno di squadra e attuale numero 3 (sempre tre secondi dietro Roglic), Tao Geoghegan Hart, si sono seduti venerdì in una cabinovia con l’infetto Ganna. “Eravamo tutti stipati”, ha detto Thomas. “Abbiamo appena indossato le maschere.” Evenepoel ha preso l’elicottero invece della gondola.

Evenepoel correrà ancora il Tour de France?

Lefevere, il caposquadra più vincente di tutti i tempi per numero di vittorie, ha un sogno: vincere il suo primo Tour de France con Evenepoel. Quick-Step ha preso parte a un Grand Tour solo per la prima volta l’anno scorso per non vincere tante tappe come al solito, ma per vincere la classifica finale. Evenepoel ha trionfato in questa Vuelta. Quest’anno va aggiunta la vittoria del Giro e nel 2024 la vittoria del Dream Tour.

Il Tour de France inizia tra meno di sette settimane e sui media belgi sta emergendo un dibattito sull’opportunità o meno che Evenepoel partecipi al Tour. Lefevere non è ancora pronto per questo. “Prima guarisci, poi ci sediamo insieme.” In questa conversazione, il boss della squadra lascerebbe la scelta a Evenepoel. “Se tutto si evolve normalmente”, si unisce Bourgois al dibattito, “dovrebbe essere completamente recuperato in circa tre settimane per allenarsi come al solito”.

READ  L'avvocato italiano per i diritti dei migranti cade dal piedistallo dopo che la moglie sembra aver sfruttato i migranti illegali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *