Le videoconferenze danneggiano la creatività – NRC

Le videoconferenze danneggiano la creatività – NRC

Socrate sarebbe stato meno intraprendente se avesse dovuto zoomare con i suoi interlocutori, piuttosto che sedersi fisicamente a tavola con loro? Questo Colloquio il fatto che il suo allievo Platone avesse scritto di una festa così piena di bevande e di idee sarebbe stato molto meno interessante. Forse anche fastidioso e che induce il sonno.

Secondo uno studio americano pubblicato la scorsa settimana in Natura mostra che i team che si incontrano online sono meno creativi dei gruppi che si incontrano fisicamente per fare brainstorming. Secondo i ricercatori, la focalizzazione ravvicinata su uno schermo va a scapito dei processi associativi necessari all’innovazione e alla creatività.

Gli scienziati Melanie S. Brucks (Columbia University) e Jonathan Levav (Stanford) hanno condotto ricerche di laboratorio e sul campo. In primo luogo, hanno condotto un esperimento con 602 soggetti in un laboratorio. Ciò si è poi ripetuto tra i 1.490 dipendenti di una società di telecomunicazioni con sedi in Finlandia, Ungheria, India, Israele e Portogallo. Entrambe le volte, duetti casuali hanno dovuto inventare nuovi modi per utilizzare i prodotti esistenti, come un frisbee o un pluriball, un classico test di creatività.

Duetti virtuali

I team online hanno sempre avuto meno successo dei duetti che si sono incontrati fisicamente. In laboratorio, i duetti virtuali hanno trovato una media di 14,7 idee (6,7 creative) in cinque minuti, le coppie reali 16,8 (e 7,9 creative). Una giuria ha esaminato idee creative innovative o almeno utili. L’invio di codice Morse tramite pluriball è più creativo che utilizzarlo come vestiti per bambini, secondo Bruck in Il guardiano† I team online sono stati efficaci quanto i team fisici nella scelta della loro idea migliore.

READ  Gli insegnanti mantovani prenotano AstraZeneca ma il sito regionale parte male

I ricercatori hanno anche monitorato i movimenti oculari dei partecipanti e testato la loro memoria in seguito. Hanno scoperto che i team online si guardavano meno intorno durante la riunione e ricordavano meno ciò che li circondava, inclusi oggetti insoliti come il poster di uno scheletro o una ciotola di limoni. Indica anche un legame tra creatività e una visione “ampia” e associativa.

Le differenze non sono enormi, ma sono significative a causa dell’avanzamento degli incontri online durante la pandemia della corona. I dipendenti si sono abituati a lavorare virtualmente e deliberatamente e i datori di lavoro stanno reagendo a questo. Anche dopo le misure corona, la consultazione online è rimasta una pratica standard in molte aziende.

fiducia reciproca

Brucks e Levav hanno anche esaminato altre possibili spiegazioni per la differenza di creatività, come una diminuzione della fiducia reciproca in un ambiente online o l’incapacità dei partecipanti alle sessioni Zoom di stabilire un contatto visivo. Per il primo, hanno trovato prove insufficienti. Il secondo, secondo loro, non ha giocato un ruolo significativo.

Questo non è il primo studio sugli effetti negativi delle riunioni online. Una studio Gli scienziati svedesi-americani durante le riunioni online hanno dimostrato l’anno scorso che consultazioni online frequenti e lunghe promuovono la “stanchezza dello zoom”. Le donne lo denunciano più spesso degli uomini. I ricercatori hanno trovato un legame con una più forte “paura dello specchio” (specchio d’ansia) che le donne sperimentano durante le sessioni online, perché vedono costantemente anche il proprio volto. Anche gli introversi e gli anziani hanno sofferto di più per l’affaticamento dello Zoom.

Questi ricercatori sono stati piuttosto cauti nelle loro conclusioni. Il loro studio si basava sulle auto-segnalazioni degli intervistati che hanno presentato domanda al sondaggio tramite il passaparola e i post sulla fatica di Zoom.

READ  "Oggi la salute mentale deve essere al centro della nostra politica sociale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *