Leo Kouwenhoven, pioniere olandese dei computer quantistici, lascia Microsoft

Leo Kouwenhoven, pioniere olandese dei computer quantistici, lascia Microsoft

Leo Kouwenhoven è stato a lungo considerato la stella nascente dell'informatica quantistica, ma è caduto in discredito dopo che gli scienziati hanno scoperto errori nel suo lavoro.  Statua Sanne De Wilde

Leo Kouwenhoven è stato a lungo considerato la stella nascente dell’informatica quantistica, ma è caduto in discredito dopo che gli scienziati hanno scoperto errori nel suo lavoro.Statua Sanne De Wilde

Nel 2016, il professore di fisica di Delft ha avviato un’attività sorprendente e apparentemente redditizia trasferimento all’azienda tecnologica. Sembrava essere sulle tracce di particelle speciali che potrebbero costituire la base di un robusto tipo di computer quantistico che Microsoft sta sviluppando. La scoperta di queste cosiddette particelle majorana è potenzialmente degna di un premio Nobel, rendendo Kouwenhoven una celebrità nella scienza quantistica.

A differenza di concorrenti come IBM e Google, Microsoft non dispone ancora di un computer quantistico funzionante. I tecnofili sperano che questi “computer del futuro” consentano calcoli ultraveloci sui modelli climatici, ad esempio. Grazie alla ricerca di Kouwenhoven, Microsoft sembrava essere in grado di eclissare la concorrenza in un colpo solo. È diventato direttore di un nuovo Quantum Lab a Delft, in cui Microsoft ha investito milioni. Re Guglielmo Alessandro è arrivato nel 2019 aprire personalmente

La partenza di Kouwenhoven da Microsoft “è correlata a un cambiamento nell’approccio al calcolo quantistico scalabile”, afferma Microsoft in una breve risposta scritta. “Auguriamo a Leo ogni bene per il futuro e lo ringraziamo per il suo tempo in Microsoft”.

Alla domanda sul motivo della sua partenza, il professore quantistico al telefono fa riferimento alla risposta di Microsoft. “Non posso dire nulla al riguardo.” Spera di fornire maggiori informazioni in seguito. “Ho un piano per quello.”

Lascia senza risposta anche la domanda se tornerà come ricercatore alla TU Delft. Dopo il trasferimento a Microsoft, ha tenuto lì un cosiddetto appuntamento a zero ore come professore. Questo è ancora il caso oggi, ha detto un portavoce dell’università.

READ  Un buon anno per lo Spazio

in discredito

Il lavoro di Kouwenhoven è stato screditato all’inizio dell’anno scorso. Poi si è scoperto che le particelle di majorana a un esame più attento non ancora provato erano in uno studio sotto la sua direzione. L’articolo scientifico su di esso conteneva copia-incolla non autorizzati ed era basato su analisi inaffidabili, hanno scoperto due ex dipendenti di Kouwenhoven. È stato solo dopo l’insistenza da parte loro che Kouwenhoven ha ritirato l’articolo dalla rivista di punta Natura† Questo è stato fatto da di Volkskrant descritto in a ampia ricostruzione

Ora ci sono dubbi anche su altri tre importanti articoli scientifici del suo gruppo. Le riviste hanno posizionato a Avvertimento con queste pubblicazioni perché “potrebbero esserci problemi con il modo in cui i dati della ricerca sono stati gestiti”.

Se questi casi hanno portato alla partenza di Kouwenhoven, né lui né Microsoft desiderano confermare. Forse l’azienda tecnologica americana semplicemente non ha più bisogno del Professore e quindi lo lascia passare dalla porta sul retro. Nella sua risposta scritta, la società fa riferimento notizia ha annunciato lunedì: il suo laboratorio di ricerca a Lyngby, in Danimarca, è riuscito a realizzare majoranas. È difficile verificare se sia davvero così: i risultati non sono pubblici e non sono pubblicati su una rivista scientifica. “Sarei molto attento con l’interpretazione di questo”, afferma il professore quantistico Christian Schönenberger (Università di Basilea) in una risposta via e-mail. “Le majorana sono molto difficili da provare.”

Indagine sull’integrità

In ogni caso, la coppa del veleno di Kouwenhoven non sembra ancora vuota. Dopo la prima pubblicazione del numero, la TU Delft ha avviato un’indagine sull’integrità, che non è ancora completa. Un gruppo di esperti impegnato ha già stabilito che c’era probabilmente una visione scientifica del tunnel e un pio desiderio da parte degli scienziati. Loro videro nessuna prova di intenti† A causa di possibili problemi nelle altre pubblicazioni majorana del gruppo di Kouwenhoven, l’università è ora anche un seconda indagine sull’integrità iniziato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *