L’Europa dovrebbe temere una nuova ondata del virus?  E altre tre domande sulla crisi della corona cinese

L’Europa dovrebbe temere una nuova ondata del virus? E altre tre domande sulla crisi della corona cinese

Dopo che le restrizioni sono state revocate, la Cina è invasa da infezioni da corona. Quattro domande.

1 I trattamenti cinesi reggeranno?

Appena. Le agenzie di stampa notano scene di ospedali sovraffollati, persone sdraiate sul ciglio della strada sulle flebo e file di carri funebri fuori dai crematori. Milioni di persone vengono infettate ogni giorno e, secondo l’agenzia di ricerca britannica Airfinity, circa 9.000 cinesi rischiano di morire di corona ogni giorno. Questo è quasi il doppio rispetto alla scorsa settimana. Entro il 2023 si prevede almeno 1 milione di morti.

2 Cosa stanno facendo le autorità?

Le autorità cinesi si sono impegnate a migliorare le protezioni per i principali gruppi demografici, inclusi milioni di anziani, per aumentare i tassi di vaccinazione e aumentare i budget sanitari. Stanno anche cercando di sostenere gli ospedali sopraffatti e ricostituire le scorte delle farmacie. Molti cinesi stanno cercando di ottenere il farmaco Paxlovid dall’estero. Il principale ente sanitario questa settimana ha chiesto alle autorità locali di “promuovere” la medicina tradizionale cinese per il trattamento della corona, secondo quanto riferito dai media statali.

Leggi anche: Senza zero-Covid, niente lo ferma in Cina

3 Tutta la Cina è nei guai?

Gli ospedali e le pompe funebri nelle città sono sotto forte pressione, ma la principale preoccupazione per la capacità del sistema sanitario si concentra sulle aree rurali. Per il capodanno cinese, il 22 gennaio, centinaia di milioni di abitanti delle città viaggiano per visitare le loro famiglie. Temendo di portare con sé il virus, molti ospedali rurali stanno diligentemente cercando di aumentare la loro capacità di terapia intensiva.

READ  Le croci di montagna suscitano emozioni in Italia

4 L’Europa dovrebbe temere una nuova ondata di coronavirus?

Le autorità sanitarie europee sono scioccate dell’alta percentuale di contagi tra i passeggeri aerei in arrivo dalla Cina all’aeroporto internazionale di Milano Malpensa il 26 dicembre. Su un volo con 92 passeggeri il 38% si è rivelato infetto, su un volo con 120 passeggeri addirittura il 52%. Queste cifre hanno alimentato i timori di uno scenario apocalittico all’inizio della pandemia nel 2020, quando un’ondata di infezioni ha attraversato l’Europa dall’Italia, provocando morti, malattie gravi e ospedali sovraccarichi. Mercoledì, il governo italiano ha imposto un test corona negativo ai viaggiatori provenienti dalla Cina.

I giornalisti affollano i passeggeri dalla Cina in arrivo a Roma. L’Italia sta testando tutti i viaggiatori dalla Cina per il virus corona ora che il numero di infezioni è aumentato drasticamente nel paese.
Foto: Alessandra Tarantino/AP

La domanda è se il tasso di infezione sia davvero così rilevante, dato che ci sono ancora molti coronavirus in Europa e la stragrande maggioranza della popolazione ha sviluppato l’immunità attraverso la vaccinazione e/o precedenti infezioni. Il requisito di un test corona negativo, che India, Giappone, Taiwan, Italia e Stati Uniti vogliono imporre ai viaggiatori provenienti dalla Cina, dovrebbe ritardare il più possibile l’arrivo di nuove varianti, perché le infezioni rimarranno sempre sotto il radar.

La prevista esplosione di infezioni in Cina darà probabilmente al virus maggiori possibilità di sviluppare nuove varianti. Ma è impossibile prevedere se questo si tradurrà più pericoloso le varianti arriveranno dalla Cina. La moneta evolutiva del virus può girare in entrambe le direzioni.

Al momento, i virologi non hanno una buona idea di quali varianti stiano circolando in Cina, a causa delle informazioni sulla corona molto limitate e inaffidabili provenienti da quel paese. Avrebbe più senso utilizzare i test genetici per analizzare quale variante del virus portano i viaggiatori dalla Cina piuttosto che controllare semplicemente se sono infetti.

READ  Vaccini misti, terza dose, trombosi: cosa dice Ema

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *