“L’evacuazione è uno straordinario successo americano”

“Gli Stati Uniti hanno posto fine a una guerra di 20 anni in Afghanistan, la guerra più lunga della storia americana. Abbiamo effettuato una delle più grandi evacuazioni aeree della storia, con oltre 120.000 persone messe al sicuro, più del doppio di quanto gli esperti ritenevano possibile”. Joe Biden, presidente degli Stati Uniti, lancia così il messaggio alla nazione dopo il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan.

“Lo straordinario successo di questa missione è legato alle incredibili qualità e al coraggio dei nostri soldati, diplomatici e personale dell’intelligence”. “Non avrei prolungato una guerra senza fine. E non avrei prolungato un’evacuazione eterna”, aggiunge. Il governo e l’esercito afghani, addestrati dagli Stati Uniti e dalla NATO, “non hanno resistito” per tutto il tempo che ci si aspettava da loro. Lo ha ribadito Biden parlando della fine della guerra in Afghanistan. La valutazione delle loro capacità, ha aggiunto, “non era precisa”.

Il massiccio ponte aereo, che ha evacuato oltre 120.000 persone, è stata una “missione di misericordia” e non di guerra. “Nessuna nazione nella storia ha fatto lo stesso”, ha detto Biden.

“Non esistono” operazioni di evacuazione al termine di una guerra senza le “difficoltà” incontrate nelle ultime settimane, ha affermato il presidente, riferendosi al caos osservato a Kabul e ai rischi per la sicurezza delle forze armate Usa.

Gli Stati Uniti, promette Biden, “continueranno ad aiutare” i cittadini americani e afgani che desiderano lasciare l’Afghanistan, sottolineando che i talebani “si impegnano” a garantire “un passaggio sicuro” a coloro che desiderano lasciare il Paese. In Afghanistan, ha detto ancora Biden parlando alla Casa Bianca, ci sono ancora tra i 100 ei 200 cittadini americani, alcuni dei quali intendono restare nel Paese.

READ  Le parti già nella struttura del semestre bianco. Il contraccolpo di Draghi

“Il mondo è cambiato”, gli Stati Uniti sono impegnati in un “serio confronto” con la Cina per la supremazia nel 21° secolo. La fine della guerra in Afghanistan, che non serviva più gli interessi strategici degli Stati Uniti, segna “la fine di un’era”. Il ritiro degli Stati Uniti, ha detto Biden, pone fine all’era delle “grandi operazioni militari” per “ricostruire altri paesi”. “Ho mantenuto la promessa di porre fine alla guerra”. “Mi rifiuto di continuare una guerra che non è più nell’interesse del nostro popolo”, ha detto il presidente, aggiungendo che gli Stati Uniti sono in guerra “da troppo tempo”.

I diritti umani, ha affermato il presidente, sono “al centro” della politica estera statunitense, ma l’intervento militare non servirà più a raggiungere questo obiettivo. “Non abbiamo ancora finito con te”, avverte Biden, parlando direttamente a Isis-K, il gruppo terroristico che ha rivendicato l’attentato all’aeroporto di Kabul in cui sono stati uccisi 13 soldati statunitensi e decine di civili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *