L’ex alto funzionario non ha informato i ministri sull’estrazione del gas in momenti cruciali |  ADESSO

L’ex alto funzionario non ha informato i ministri sull’estrazione del gas in momenti cruciali | ADESSO

L’ex alto funzionario pubblico Mark Dierikx ha ripetutamente omesso di informare i ministri dell’Economia (EZ) Maxime Verhagen e Henk Kamp tra il 2012 e il 2016 sugli eventi cruciali relativi all’estrazione di gas a Groningen. Lo emerge dall’interrogatorio della commissione d’inchiesta di giovedì.

Dierikx è stato direttore generale dell’energia presso il ministero durante questo periodo. Dirigeva il dipartimento che si occupava dell’estrazione del gas.

All’epoca, il Direttore Generale dell’Energia era uno dei principali attori nella costruzione di gas, dal nome della complessa collaborazione tra lo Stato e le compagnie petrolifere Shell ed ExxonMobil.

Dierikx ha partecipato agli incontri del partenariato di Groningen. Durante questo periodo, la politica di estrazione del gas è stata determinata su questo tavolo. Allo stesso tempo, è stato membro del Consiglio dei Vice Commissari di GasTerra, che si è occupato delle decisioni della trading house.

Verhagen ha trasferito il fascicolo al prossimo ministro

Nell’agosto 2012, Huizinge è stata colpita da un forte terremoto. Durante questo periodo, Verhagen fu ministro e membro del gabinetto Rutte-I.

A settembre, il regolatore ha condiviso le prime informazioni allarmanti sul rischio per la sicurezza. La ricerca ha dimostrato che potrebbero esserci tremori più forti di quanto si pensasse in precedenza, ma all’epoca non era ancora chiaro quanto fossero gravi.

Il comitato voleva sapere da Dierikx perché non aveva informato Verhagen. “Non ho intenzione di appesantire un ministro con informazioni incomplete e incomplete quando è nella sua ultima fase del suo ministero ed è in uscita”, ha risposto.

Anche Verhagen era difficile da trovare al ministero in quel momento, ha detto Dierikx. All’epoca, il sindaco di Loppersum tentò di raggiungerlo, ma non riuscì a raggiungerlo. Quando Dierikx ha sentito questo, ha chiamato Verhagen e ha detto a Dierikx di chiamare. “È rilevante per il prossimo ministro”, avrebbe detto Verhagen.

READ  Case in vendita a 10.000 euro, su iniziativa di due comuni: ecco quali

Dierikx nega agli azionisti di aver esercitato un’influenza

Verhagen è stato sostituito come ministro da Kamp, entrato in carica il 5 novembre. Il giorno dopo, Dierikx ha raggiunto Kamp. Al fine di informare completamente il ministro, l’alto funzionario si è consultato con le altre parti della partnership: Shell ed ExxonMobil.

Secondo il comitato, durante questa conversazione con Dierikx, gli azionisti avevano “molto spazio” per influenzare la prima conversazione con Kamp. Hanno basato questa osservazione sui minuti.

Dierikx ha contestato questo: “Ho una visione diversa su questo. È il mio stile di lavoro essere ben informato e conoscere tutti i punti di vista”.

Ministro non informato dei calcoli

Nel gennaio 2013, Kamp ha dovuto prendere una decisione in merito all’estrazione del gas. Il regolatore ha raccomandato una riduzione, ma il ministro ha deciso diversamente. Ha condotto quattordici indagini per ottenere prima maggiori informazioni.

Secondo Dierikx, all’epoca c’era molta incertezza sul rischio per la sicurezza e le conseguenze per la sicurezza dell’approvvigionamento. Per maggiore chiarezza, nell’autunno del 2012 il ministero ha chiesto a GasTerra di calcolare di quanto si potesse ridurre l’estrazione di gas. Sono arrivati ​​a 27 miliardi di metri cubi. Alla fine di dicembre, la trading house è stata nuovamente chiamata ad esplorare gli scenari.

Questa cifra era nota ai funzionari, ma non era specificamente menzionata nelle note preparate per Kamp all’inizio di gennaio. Il riconoscimento non è stato condiviso con il ministro, ha detto Dierikx.


Il ministero reagisce con un’alzata di spalle sulla maggiore estrazione

Nel febbraio/marzo 2013 è diventato chiaro a Dierikx che anche l’estrazione di gas dal giacimento di Groningen sarà superiore rispetto agli anni precedenti. Dierikx ha informato Kamp a maggio. A quel tempo, i dipendenti di NAM e GasTerra erano preoccupati per questa maggiore estrazione a causa del contraccolpo sociale.

READ  Notevole: questo autunno non c'è stata una sola tempesta nei Paesi Bassi

“Qual è il suo consiglio?” chiese il ministro. Dierikx sconsiglia di intervenire. Pochi mesi prima, il ministro aveva anche deciso di effettuare ulteriori ricerche prima di decidere su un’eventuale riduzione. Dierikx ha sottolineato che non c’erano ancora nuove idee e che dovevano agire in modo coerente.

Il campo non è intervenuto. La produzione di gas ammontava a quasi 54 miliardi quell’anno, una quantità record dal 1981. Ciò ha causato molta frustrazione a Groningen.

Il comitato ha detto a Dierikx di aver sentito che il rapporto di lavoro tra lui e Kamp si era deteriorato di conseguenza. Non riconosce questa immagine, anche se ha indicato che in seguito il ministro non era soddisfatto dello stato delle cose. “Ma si trattava di levigarlo. È così.”

L’alto funzionario aveva un ampio margine di manovra per prendere le proprie decisioni

Gli esempi mostrano un’immagine del metodo di lavoro del funzionario senior Dierikx, che ha anche fornito una spiegazione. Nel periodo fino al 2014 non era consuetudine che il ministro fosse consultato sugli incarichi ricoperti nel suo incarico nel palazzo del gas. Il Direttore Generale rappresentava lo Stato, ma vi sedeva “a titolo personale”.

Ha dato riscontri al ministro solo se “è stato necessario”. Ad esempio, a fine 2012 – tutte le parti erano già a conoscenza delle nuove informazioni sui rischi – Dierikx ha accettato il piano industriale di GasTerra di estrarre 48,9 miliardi di metri cubi di gas nel 2013. Kamp non è stato informato.

Nel 2013 le cose sono cambiate. “Kamp si sentiva sempre più a disagio per il fatto di essere responsabile della posizione che il direttore generale ha assunto durante questi due incontri, ma di non esserne coinvolto”, ha detto Dierikx.

READ  Interrogazioni parlamentari sulle grandi differenze di prezzo del gas in Olanda e Germania: “Sono bizzarre” | Germania

La commissione d’inchiesta ascolterà il ministro Kamp venerdì pomeriggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *