“L’ex capo della NPO Rijxman non ha denunciato le vacanze private al Segretario di Stato Dekker” Interni

Durante le vacanze in Israele erano presenti anche i partner Dekker e Rijxman, ora assessore D66 ad Amsterdam. Questa vacanza non è stata segnalata al ministero o all’ONG, secondo quanto riferito da BNR† Durante le vacanze, l’ex segretario di Stato Dekker (VVD) è stato responsabile dei media in qualità di segretario di Stato uscente e quindi anche del finanziamento della radiodiffusione pubblica.

“In generale, le ferie – comprese quelle dei funzionari governativi – sono questioni private e separate dai contatti di lavoro”, ha affermato un portavoce del Ministero dell’Istruzione, della Cultura e della Scienza. “Non è necessario dichiararsi nel vademecum dei ministri per la festività a cui si fa riferimento”.

Rijxman dice a BNR di aver aderito al Codice di condotta per i direttori di NPO. “Volevo mostrare a Sander Dekker il memoriale dell’Olocausto di Yad Vashem a Gerusalemme”, ha detto Rijxman alla radio. “Come ho affermato prima: in una posizione pubblica, attraverso il lavoro che fai, conosci bene molte persone in poco tempo. È quindi intenzione che stabiliamo tutti un registro di conoscenze e amici? Non credo va bene per chiunque, ecco perché non mi addentrerò in relazioni private, una relazione privata non dovrebbe mai influenzare gli sviluppi all’interno della ONLUS.

Giovedì, la Camera discuterà con il ministro responsabile Robbert Dijkgraaf (D66) e il segretario di Stato Gunay Uslu (D66) una precedente rivelazione su Rijxman. Poi si è scoperto che un informatore che voleva aprirsi su discutibili costruzioni finanziarie presso l’emittente pubblica del Ministero dell’Istruzione. Quindi il ministro Slob (Media) ha collegato l’informatore al suo funzionario più anziano. Tuttavia, il funzionario in questione era anche amico di Shula Rijxman, l’ex leader donna della NPO. L’informatore si è sentito ingannato. Non avrebbe mai parlato con l’alto funzionario se avesse saputo in anticipo dell’amicizia con Rijxman.

READ  Telecomunicazioni, l'esperto: "La rete unica ha senso solo per salvare Telecom Italia, piena di debiti e con troppi dipendenti"

La Camera dei Rappresentanti aveva precedentemente chiesto un dibattito con il Segretario di Stato Gunay Uslu sulla questione prima dell’estate. Dijkgraaf ha annunciato il mese scorso che la questione sarebbe stata riesaminata dai revisori dei conti del Rijk Audit Service (ADR), che è considerato indipendente.

Gli investigatori di ADR devono rispondere alla domanda se sia stata intrapresa l’azione giusta in questa situazione e “come ciò si riferisca alle regole e procedure e ai codici a livello governativo e dipartimentale per tali segnalazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.