L’immunologo ha minacciato: “Non posso tornare indietro”

Il nuovo anno è iniziato apparentemente rilassato per la professoressa Antonella Viola (52) con una vacanza in famiglia in Spagna. “Ma lì, ho appreso che una lettera proiettile era caduta nella cassetta delle lettere dell’ufficio”, ha detto l’immunologo italiano al telefono dal suo studio a Padova, nel nord Italia.

La lettera minacciosa diceva letteralmente: “Giù le mani dai nostri figli. “L’autore della lettera mi ha chiesto di annunciare in televisione che era meglio non vaccinare i bambini contro il corona – il contrario di quello che sostengo. E se no, io o la mia famiglia potremmo ‘aspettarci un proiettile’. La busta conteneva anche un involucro.

Viola parla di un “momento di tensione molto grave” a seguito delle drastiche decisioni del governo italiano. Le persone con più di 50 anni sono state recentemente costrette a farsi un’iniezione, obbligo già applicato in Italia alla scuola e agli operatori sanitari. E senza un pass corona, diventa sempre più difficile entrare da qualche parte. Coloro che non sono stati ancora punti provano sempre più rabbia e frustrazione.

Dalla seconda settimana di gennaio lo scienziato, che è anche professore all’Università di Padova, è sotto protezione della polizia. “Qui dirigo anche un istituto di ricerca pediatrica. Quindi concentro il mio lavoro di scienziato sui bambini. Quindi ricevere una lettera così minacciosa è difficile.

Cosa è seguito a quella telefonata?

“La mia prima reazione è stata di puro stupore. In questa pandemia cerco di rassicurare le persone spiegando in modo chiaro e fattuale cose a volte complesse. So che le persone si affidano alle nostre spiegazioni per farsi sparare o meno, e prendo molto sul serio quel ruolo pubblico.

READ  Telemarketing selvaggio, multa di 4,5 milioni per Fastweb. Il garante della privacy: "Criticità importanti"

“Dopo questo primo shock, un intero macchinario è stato messo in moto rapidamente. Ci sono state consultazioni con le forze di sicurezza su come sarei stato protetto. Divenne subito chiaro che la mia vita quotidiana sarebbe cambiata radicalmente.

Come ha reagito il tuo ambiente? Qualcuno ti ha chiesto di fare un passo indietro?

“Mio marito, i nostri due figli e i loro amici hanno mantenuto la calma. Inoltre, per ora non mi hanno mai detto di sdraiarmi. Diversi amici l’hanno fatto. “Pensa a te, non andare più in quegli studi televisivi”, ha detto. Ma proprio non puoi, è davvero impossibile fare un passo indietro adesso. Più che mai, è mio dovere parlare, testimoniare la scienza. Mi rifiuto di avere paura”.

Cosa vorresti dire allo scrittore della lettera?

“Direi che lui o lei vuole fare del male ai bambini, mentre io sto proteggendo i bambini sostenendo il jab”.

L’obbligo della vaccinazione avrebbe dovuto essere proclamato in tutta Europa fin dall’inizio, avrebbe evitato molte discussioni

Dopo la lettera minatoria, Antonella Viola è apparsa in televisione circa tre volte per sottolineare l’importanza della vaccinazione, anche per i bambini. In Italia è stato recentemente introdotto l’obbligo di vaccinazione per le persone di età superiore ai 50 anni. La professoressa accoglie con favore, anche se lei stessa avrebbe richiesto la vaccinazione dall’età di diciotto anni. “Se tutti gli adulti fossero stati vaccinati, non sarebbe necessario vaccinare anche i bambini”, afferma. “Anche se lo consiglio vivamente, perché questo virus subdolo può anche causare infezioni gravi o covid polmonare nei bambini”.

In Italia, i virologi sperano che il picco dell’onda Omikron venga raggiunto la prossima settimana e che il numero dei contagi diminuisca successivamente. La variante è estremamente contagiosa, ma appare meno aggressiva dei predecessori, riconosce Viola. “Ma ha solo fatto guadagnare terreno all’idea che sia solo un freddo, e questo mi preoccupa. Poiché Omikron è così contagioso, questa variante può anche far ammalare gravemente molte persone.

READ  “Il criterio sarà solo quello dell'età. Un punto caldo in ogni città ”- Corriere.it

Leggi anche questo articolo: Bollettino per l’insegnante che vuole l’obbligo della vaccinazione

La Spagna ha già deciso di trattare Omikron come una normale influenza, mentre l’Italia sta ancora adottando misure dure.

“Ma la situazione è diversa in ogni Paese. L’Italia potrà trattarla come l’influenza solo una volta che quasi tutti gli over 50 saranno stati vaccinati. L’Italia ha ancora milioni di persone non vaccinate e centinaia di migliaia di persone ad alto rischio. Più persone vengono vaccinate in Spagna che qui. Anche il Portogallo è in forma migliore, dove sono stati vaccinati tutti gli over 50. Difficilmente trovi un antivaxer in questo paese. L’obbligo della vaccinazione avrebbe dovuto essere proclamato in tutta Europa fin dall’inizio, questo avrebbe evitato molte discussioni.

Qual è il segreto del Portogallo?

“Ho chiamato i colleghi portoghesi per chiedere loro come ci fossero riusciti. “Un generale dell’esercito ha guidato la nostra campagna di vaccinazione”, hanno detto. Ma è proprio quello che è successo in Italia, ho risposto. “E spesso abbiamo spiegato la situazione in televisione”, hanno detto in seguito. Lo facciamo anche in Italia, dicevo, eppure qui le cose sono così diverse.

“Gli scienziati hanno seguito protocolli standard, non c’è stata alcuna sperimentazione alla cieca sulla popolazione. Ma una volta approvati, i vaccini sono stati resi ampiamente disponibili e quindi sono stati apportati aggiustamenti, ad esempio aggiustando la dose del vaccino A o usando il vaccino B prima per un determinato gruppo di età. Succede sempre. La novità questa volta è che l’intero processo scientifico è avvenuto rapidamente e online. Chiunque poteva seguirlo, in tempo reale, e per alcuni era fonte di confusione. Ma i portoghesi si sono sentiti rassicurati, hanno trovato il processo molto trasparente e convincente.

READ  le proposte di Cts-Corriere.it

Il Portogallo ha il più alto tasso di vaccinazione


Cosa rende l’Italia così diversa?

“Penso che il Portogallo abbia una popolazione moderata e un clima politico moderato. In Italia ci sono molte forze estremiste. Troverai gruppi di cittadini con convinzioni estreme, che mettono in discussione i vaccini, ma anche l’esistenza del virus stesso. Gran parte degli italiani nutre rabbia e sfiducia nei confronti delle istituzioni. Questi ragazzi direbbero no a tutto.

Ci sono politici a cui dare la colpa?

“Wanneer Giorgia Meloni [een uiterst rechtse oppositiepolitica, red.] in televisione dice che non ha intenzione di far vaccinare sua figlia, e poi io consiglio di vaccinare i bambini, poi ovviamente alcuni genitori si confonderanno. Non sto sostenendo che la dichiarazione di Meloni abbia provocato la minaccia contro di me: chi invia una lettera così minacciosa non le ha tutte in fila. Il mondo anti-vax è colorato: troverai persone che hanno paura e altre che credono che la terra sia piatta e che la corona non esista. E solo una piccola parte è anche violenta.

Molti italiani stanno seguendo da vicino le misure rigorose, ma il clima sociale si sta notevolmente indurendo. In ottobre, durante una manifestazione, un edificio sindacale di sinistra a Roma è stato preso d’assalto. Tra i manifestanti c’erano i sostenitori del movimento neofascista Forza Nuova. E sabato 15 gennaio a antivaxbetoging migliaia di manifestanti di nuovo nella capitale italiana. L’atmosfera a volte era cupa. Poster “Giù le mani dai nostri figli” e “Vaccinazi, uscite dal nostro governo!”

Leggi anche questo articolo: Antivaxer italiano: “Sono un lupo, non mi farò ricattare”

Antonella Viola resterà in custodia di polizia per i prossimi tre mesi. Successivamente, viene valutata la sua situazione di sicurezza. Nel frattempo, l’autore della lettera minatoria è ancora latitante.

Costantemente due poliziotti nelle vicinanze, dev’essere drastico.

“È difficile, non posso più uscire da solo. Sono amichevoli e discreti, e mi fanno sentire al sicuro. Ma il fatto che siano sempre lì sembra essere un grosso limite alla mia libertà. Non sono madonna [grinnikt]. Quindi non esco più a mangiare oa fare la spesa, ma vado a lavorare solo la mattina e torno a casa solo la sera. I poliziotti mi dicono di andare avanti con la mia vita normale, ma non mi sentirei a mio agio nel farlo. Quindi, fatta eccezione per una visita dal parrucchiere, rimango in casa la sera e nei fine settimana.

È difficile essere uno scienziato.

“È molto difficile, ma anche importante. In effetti, questo momento ci offre una grande opportunità per parlare del nostro lavoro di scienziati, dei metodi che utilizziamo, in breve, per democratizzare la scienza. Ci siamo trovati nelle case delle persone durante questa pandemia e ora dobbiamo perseverare.

“Questa questione della vaccinazione non è certo l’ultima volta che il pubblico prenderà posizione su una questione scientifica. Pensa al riscaldamento globale, alla resistenza agli antibiotici, alle future epidemie o agli organismi geneticamente modificati: tutte queste cose hanno un impatto sulla nostra vita quotidiana. Come scienziati, abbiamo l’opportunità di ripristinare la fiducia nei fatti e nella scienza e dobbiamo cogliere appieno questa opportunità.

Leggi anche questo articolo: Scienziati minacciati: “Stiamo aspettando che succeda davvero qualcosa?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.