L’ITALIA ha 3 SETTIMANE per fermare la CRESCITA DELLE INFEZIONI. Ecco perché parla RICCIARDI (QUI) »ILMETEO.it

CORONAVIRUS: L’ITALIA ha 3 SETTIMANE di tempo per fermare la CRESCITA DELLE INFEZIONI. Per questo parla RICCIARDI (QUI)

Abbiamo 3 SETTIMANE per fermare la CRESCITA delle INFEZIONI. Ecco il testo di WALTER RICCIARDIWalter Ricciardi, consulente vicino a Ministro della salute Roberto Speranza, intervistato dal quotidiano Repubblica, non nasconde il fatto che si aspettava una rapida crescita dei contagi, più di quanto sta già accadendo in questi giorni. “Lo abbiamo detto dall’inizio è un virus con tendenza esponenziale. Nel momento in cui si perde il controllo della situazione epidemiologica, si sono verificati aumenti molto marcati. Non ci siamo ancora, nel senso che la crescita non è ancora esponenziale, ma siamo davvero a un bivio“.
Adesso, secondo Ricciardi, “devi implementare i comportamento saggio che abbiamo imparato a mantenere durante tutti questi mesi di pandemia. E infatti Le regioni fanno bene a firmare le ordinanze che richiedono l’uso di maschere ”.

E vai avanti: “Bisogna porre grande attenzione alle distanze e in prospettiva, anche non troppo lontana, deve esserci massima partecipazione alla campagna di vaccinazione antinfluenzale. Inoltre, ora è proprio necessario che più cittadini scarichino sui cellulari, l’applicazione Immuni. Se siamo bravi sono fiducioso di poter invertire la curva di contagio che ora vediamo in aumento praticamente in tutte le regioni italiane “.

Per quello, non abbiamo molto tempo, ora è chiaro. Lo dice anche Ricciardi. “Non abbiamo molto tempo, diciamo due o tre settimane al massimo. Ma dobbiamo agire velocemente, cioè immediatamente. “Che senso ha indossare maschere fuori quando si è soli? I casi aumentano ma gli ospedali non hanno grossi problemi. Questo dovrebbe rassicurarci? Attenzione, gli ospedali iniziano a riempirsi in molte zone in questi giorni autunnali. Il problema a questo punto in SECONDA ONDA non è tanto una terapia intensiva. I casi gravi ora sono meno numerosi ma allo stesso tempo iniziano ad essere numerosi quelli che si recano in ospedale e forse lo diventeranno di più rispetto alla prima fase. È un gran numero di pazienti che ha bisogno di aiuto e anche se sono meno gravi, avranno un impatto molto pesante sull’assistenza sanitaria “.

READ  Zoom cosmico sulla materia oscura

Insomma, ci stiamo preparando ad affrontarne uno nuovo SUPER ONDA o il contagio, che è improbabile, non andrà oltre il 3000-4000 casi al giorno? Lo sapremo solo nelle prossime settimane analizzando anche i dati di scuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *