L’Italia non vede la necessità di un nuovo pacchetto anti-inflazione mentre i prezzi dell’energia scendono, dicono fonti

L’Italia non vede la necessità di un nuovo pacchetto anti-inflazione mentre i prezzi dell’energia scendono, dicono fonti

L’Italia non prevede di estendere la maggior parte delle misure adottate per mitigare l’impatto dei costi energetici su famiglie e imprese oltre questo mese, hanno riferito a Reuters due fonti governative vicine al governo.

Il governo di destra del paese ha stanziato circa 26 miliardi di euro (28,39 miliardi di dollari) nella prima metà di quest’anno per finanziare misure volte principalmente a ridurre le bollette dell’elettricità e del gas.

Ma il recente crollo dei prezzi dell’energia ha convinto il Dipartimento degli affari economici che non c’è bisogno di un nuovo piano di salvataggio sostanziale, hanno detto le fonti, che chiedono di non essere nominate vista la delicatezza della questione.

I prezzi regolamentati del gas per le famiglie in Italia sono diminuiti dello 0,2% a maggio rispetto al mese precedente, ha annunciato questo mese l’autorità italiana per l’energia.

Il prezzo del gas olandese a giugno si aggira intorno ai 37 euro per megawattora (MWh), in netto calo rispetto ai 73 euro dell’inizio del 2023 e con un picco di circa 340 euro/MWh nell’agosto 2022, quando le forniture attraverso i gasdotti russi sono diminuite dopo l’invasione di Mosca. in Ucraina.

Tuttavia, Roma potrebbe rinnovare un bonus dato per ridurre le bollette energetiche per le famiglie a basso reddito, ha detto una fonte, utilizzando parte dei finanziamenti originariamente previsti e non completamente spesi.

Altre misure già finanziate, come un premio forfettario per sovvenzionare le spese di riscaldamento per le famiglie, entreranno in vigore entro la fine dell’anno.

Il governo del Presidente del Consiglio Giorgia Meloni sta gradualmente eliminando la politica fiscale espansiva in atto dal 2020 a seguito della pandemia di COVID-19.

READ  Napoli-AZ, pre partita: Gattuso con solo 3 cambi, ci sono Meret, Maksi e Lobotka

Anche le nuove regole fiscali dell’UE proposte dalla Commissione europea stanno aumentando la pressione su Roma affinché mantenga un approccio prudente alle finanze pubbliche.

Il Dipartimento del Tesoro è concentrato in questa fase sui modi per aiutare i mutuatari colpiti dai tassi di interesse più elevati fissati dalla Banca centrale europea (BCE) per frenare l’inflazione, ha detto la seconda fonte.

Mentre un’imposta sugli utili delle banche è stata per ora sospesa, Roma prevede di incassare più di 2,6 miliardi di euro da una tassa straordinaria sulle società energetiche inclusa nel bilancio di quest’anno.

($ 1 = 0,9158 euro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *