L’Italia vuole imporre una tassa del 26% sui profitti delle criptovalute

Bitcoin (BTC) e altri criptovalute sono valute digitali che vivono indipendentemente dal sistema finanziario tradizionale. Non esiste una singola entità che abbia il pieno potere e non devi fidarti di nessuno nella rete decentralizzata di una criptovaluta. Poiché le criptovalute sono indipendenti dal sistema finanziario tradizionale, molte persone pensano ancora di poter utilizzare il loro bitcoin o etereo (ETH) non devono dichiarare alle autorità fiscali.

Ogni paese ha regole diverse per quanto riguarda il pagamento delle tasse sulle criptovalute. Nei Paesi Bassi ad esempio, rientra nel patrimonio e paghi le tasse solo se il tuo patrimonio supera i 50.650 euro. Successivamente, paghi effettivamente lo 0,589% di tasse per i primi € 50.000. Paghi l’1,395% sui successivi 900.000 € e se superi tale importo, paghi l’1,7639% di tasse per ogni euro in più.

Criptotassa Italia

Il bilancio 2023 dell’Italia include una proposta che indica che il paese prevede di estendere il prelievo sulle plusvalenze del 26% alle criptovalute per guadagni superiori a $ 2.000. Attualmente, le criptovalute sono trattate come valute estere dalle autorità fiscali italiane, il che significa che l’imposta è inferiore.

Se il disegno di legge diventa legge, i contribuenti avranno la possibilità di dichiarare il valore delle loro risorse digitali il 1° gennaio e pagare una tassa del 14%. Questo mira a incoraggiare gli italiani a dichiarare i propri asset digitali nella dichiarazione dei redditi.

Con questo, il paese segue il Portogallo, come è sempre stato così era un paradiso fiscale per le criptovalute. A maggio di quest’anno due partiti di minoranza hanno visto sconfitte le loro fatture sulle criptovalute. Tuttavia, il paese ha annunciato a ottobre nel bilancio statale per il 2023 di voler imporre un’imposta sulle plusvalenze del 28% sui profitti realizzati con le criptovalute.

READ  Obbligatoria mascherina all'aperto, sosta in zona bianca dal 28 giugno. CTS dà il via libera - Corriere.it

Investitori crittografici italiani

Secondo i dati di Tripla A in Italia sono circa 1,33 milioni le persone, pari all’1,26% della popolazione totale, che possiedono valute digitali. Nel luglio 2022, circa il 57% di tutti gli investitori in criptovalute erano uomini e il 43% donne. La maggior parte degli investitori appartiene alla fascia di età compresa tra i 28 ei 38 anni. Infine, circa il 60% di tutti gli investitori in criptovalute in Italia possiede una laurea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *