L’OCSE critica duramente i giudici nel caso di corruzione in Nigeria contro Shell ed Eni

L’OCSE critica duramente i giudici nel caso di corruzione in Nigeria contro Shell ed Eni

L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è molto critica nei confronti del modo in cui i giudici sono stati processati nel caso di corruzione italiano contro le compagnie petrolifere Shell ed Eni per l’acquisto di un petroliere nigeriano. Il ricco country club è “estremamente preoccupato” per il modo in cui i giudici hanno gestito le prove a sostegno del caso di corruzione, che si è concluso con un’assoluzione l’anno scorso.

L’OCSE, un gruppo di esperti di 38 paesi, valuta una volta ogni pochi anni se i paesi stanno aderendo alla Convenzione anticorruzione dell’OCSE. L’Italia non è risparmiata dallo studio pubblicato martedì.

I procedimenti giudiziari per corruzione all’estero si basano generalmente in gran parte su prove a sostegno. Nel caso dei giacimenti petroliferi, l’OCSE ha osservato una “tendenza inquietante”. Ogni elemento di prova che corroborava la corruzione è stato respinto dai giudici se fosse possibile una spiegazione alternativa. Secondo l’OCSE, le prove sono state a malapena considerate nel contesto. Impostando il livello così alto, i casi di corruzione all’estero non possono quasi mai avere successo e l’Italia viola le convenzioni dell’OCSE.

Leggi anche: Perché Shell ed Eni sono state assolte dall’accusa di corruzione intorno al giacimento petrolifero OPL 245 della Nigeria

giacimento petrolifero gigante

Il caso di corruzione ruota attorno al gigantesco giacimento petrolifero OPL 245 al largo delle coste nigeriane, su cui la compagnia petrolifera olandese-britannica Shell e l’italiana Eni hanno cercato di mettere le mani nel 2011. Il pm italiano sospettava che le compagnie avessero pagato circa 1 miliardo in tangenti, per ottenere la terra per un importo troppo esiguo. La transazione è passata attraverso un conto del governo nigeriano, dopo di che il denaro è per lo più scomparso nelle tasche di politici e individui. Allo stesso tempo, c’è stato un procedimento penale nei Paesi Bassi contro Shell, per il quale il servizio investigativo FIOD ha fatto irruzione nella sede centrale dell’Aia nel 2016. Shell ora è completamente britannica.

READ  Hulkenberg ha un nuovo sponsor personale e crea un omaggio per il GP d'Italia

Nel 2018 un giudice italiano ha condannato due intermediari ad anni di reclusione per il loro ruolo nel caso. Ma nel 2021 altri giudici italiani hanno assolto in toto le compagnie petrolifere. Non sono responsabili per quello che è successo al denaro dopo che è stato trasferito al governo nigeriano, secondo i giudici. Successivamente, l’indagine penale olandese è stata archiviata.

Anche l’OCSE è fondamentale in questo senso. La corrispondenza interna delle compagnie petrolifere mostra che le compagnie sapevano che i soldi potevano trasformarsi in tangenti, afferma il rapporto. L’OCSE critica il fatto che i giudici non ne abbiano tenuto conto nel loro verdetto.

L’Italia non è uscita indenne dalla valutazione, ma anche l’Olanda non ha fatto bene l’anno scorso. Nella valutazione olandese del 2021, i ricercatori hanno criticato aspramente il trattamento di un informatore nigeriano. Si era lamentato dell’ambasciatore olandese che aveva fatto trapelare l’indagine penale sull’OPL 245 alla Shell, ed era stato successivamente licenziato. La donna è stata successivamente giudicata a favore dalla corte olandese.

Leggi anche: Informatore degli affari esteri licenziato ingiustamente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *