L’Olanda finisce sesta nella Coppa delle Nazioni a Roma, l’Irlanda impedisce all’Italia di vincere

L’Olanda finisce sesta nella Coppa delle Nazioni a Roma, l’Irlanda impedisce all’Italia di vincere

Un’emozionante battaglia per vincere la Coppa delle Nazioni a Roma si è conclusa con un sesto posto per i corridori del TeamNL. L’Irlanda ha affrontato i padroni di casa dell’Italia in uno spareggio, dove l’Irlanda è uscita vittoriosa per la prima volta nella storia! Jur Vrieling, Kim Emmen, Maikel van der Vleuten e Harrie Smolders sono entrati in campo per l’Olanda.

La Svezia era la numero uno dopo il primo turno. Poi l’Italia e poi la Francia. Il Belgio era a sei, l’Olanda a otto.

Jur Vrieling e Long John Argento 3 (v.Lasino) non è partito alla grande nel primo giro e ha ricevuto molti punti di penalità. Al duo è stato permesso di stringere i denti nel secondo round e hanno tenuto le mani su tutto il legno, più che compensare quel primo round.

Simon Delestre e Maglia Cayman Jolly (v. Hickstead) ha fatto quello che sa fare meglio: guidare veloce e stare alla larga. Jolly Jumper è una vera macchina rotonda chiara per il suo paese e il suo pilota. La combinazione francese ha compensato l’errore di salto del primo round con questo secondo round netto.

Kim Emmen ha scommesso su Inflame Go (di Namelus R). I due hanno battuto il tabellone rosso sulla terza staccionata, ma qui non hanno commesso falli. Nella prima combinazione, purtroppo, una barra è caduta dai cucchiai e sono stati accusati anche di un errore nell’acqua. Nessun doppio chiaro quindi per Kim Emmen. Inoltre, la coppia olandese ha guidato bene. L’Olanda è rimasta con otto punti di penalità in totale, con due combinazioni da giocare.

Daniel Deusser e Regina assassina VDM (di Eldorado van de Zeshoek) è partito anch’esso con quattro punti di penalità al primo giro. Bruciando su un giro senza errori, la combinazione è andata liscia sull’arena erbosa. Non è stato fino al primo salto del salto triplo che si è avvicinato, ma la trave è rimasta nei cucchiai.

READ  Il top club italiano pensa al Bergwijn'

L’Olanda era al terzo posto dopo due combinazioni con un totale di otto punti di penalità quando Maikel van der Vleuten è entrato in azione con O’Bailey vh Brouwershof (di Darco). La pressione era alta perché se l’Olanda voleva mantenere il posto tra i primi tre, doveva seguire la porta inviolata. Il percorso alto 1,60 m è sembrato un compito facile per i due, che hanno dato uno zero al loro paese.

Harrie Smolders è stata la quarta e ultima combinazione olandese sul ring con Uricas contro Kattevennen (di Uriko). Al momento, erano a pari merito con altri sei paesi che attualmente sono in testa con un totale di otto punti di penalità. Un errore di salto nel salto triplo li ha lasciati con quattro punti di penalità, che hanno portato l’Olanda a un totale di 12 punti di penalità e li ha ridotti a sei.

Altre nove combinazioni da fare mentre l’esperto John Whitaker scende in pista. La polena dei cavalieri britannici sedeva in sella a Equino America Unick du Francport (di Zandor Z) ed è rimasto chiaro per il suo paese, che ha chiuso con un totale di 16 punti di penalità e ha pareggiato per il settimo posto con il Belgio, che aveva un corridore in più al via.

L’ultimo binomio casalingo sul ring è stato Giampiero Garofalo. L’italiano ha tenuto le redini di BWP’er Max van Lentz Schrans (per Untouched), ma anche il destino dell’Italia, poiché il paese era attualmente al primo posto con Irlanda e Svezia, che avevano anche otto punti di penalità. Il duo ha fatto quello che ci si aspettava da loro e il pubblico era entusiasta! Hanno ancora visto la loro squadra allo spareggio.

READ  The Guardian incorona 4 giocatori dell'Inter: Lukaku, Lautaro, Hakimi, Barella

Henrik von Eckermann aveva nelle sue mani il destino della Svezia, dipendeva da lui e Iliana (v. Cardento 933) se la loro patria avesse un posto sulla chiatta. Uno sfortunato fascio di cucchiai ha fatto scendere la Svezia dal primo al terzo posto con 12 punti di penalità, Olanda inclusa.


SALTA GIÙ

Michael Pender è stato il primo a iniziare il jump-off. È stato autorizzato a difendere l’onore irlandese in sella all’HHS Calais. L’irlandese ha percorso il percorso a un ritmo veloce ma allo stesso tempo facile e ha anche rischiato con una breve virata al salto in stile. Il duo ha saputo fare ciò che ci si aspettava da loro ed è rimasto impeccabile!

Francesca Ciriesi è stata autorizzata a difendere l’onore italiano a Cape Coral, ma le cose sono andate male sulla seconda staccionata. La vittoria è stata per l’Irlanda! Mentre il tempo di Pender poteva certamente essere migliorato, quella mensola nell’erba era tutto per questa Coppa delle Nazioni.

TUTTI I RISULTATI

Foto©: CSIO di Roma / CSIO5* Piezza di Siena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *