Lotta al contante, nessuna commissione per tutti i micropagamenti fino a 5 euro

ROMA – Il governo sta spingendo il piano senza contanti e mira a facilitare la spesa con carte di credito e di debito, riducendo così i costi per i commercianti. Tra le ipotesi sul campo – scrive l’agenzia Ansa – c’è quella dell’azzeramento delle commissioni per micropagamenti fino a 5 euro (scenario molto probabile) o fino a 25 euro (scenario non escludibile) .

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte – che sta valutando anche l’impatto di un simile approccio sulla concorrenza – incontrerà anche questa settimana gli operatori del settore.

La riduzione dei costi sostenuti dai trader sarebbe uno degli strumenti per garantire il successo dell’operazione di “cashback”. Le commissioni della carta fino a € 3000 dovrebbero garantire il rimborso fino a € 300.

Un tesoro di 3000 euro sarebbe invece riservato ai primi 100.000 cittadini che useranno di più la carta di credito: per questo meccanismo conterà il numero delle transazioni e non il numero, quindi cinque caffè – è stato spiegato – saranno equivalenti a cinque borse. lusso.

Il cashback di 300 euro e il super cashback di 3000 (il nuovo nome del bonus della Befana) dovrebbero partire il 1 ° dicembre, purché i decreti attuativi del Tesoro arrivino in tempo. Attualmente sono disponibili un miliardo e settecentocinquanta milioni per il 2021, ovvero poco più della metà dei 3 miliardi inizialmente stanziati per la manovra dello scorso anno e poi dirottati sul finanziamento delle misure anti-Covid. Ovviamente il fondo potrà sempre essere ricostituito in occasione della prossima legge finanziaria.

COME FUNZIONA. LA SCHEDA VIDEO

READ  Pagamenti POS: come si è evoluta la gestione dei conti correnti da gennaio

La lotteria degli scontrini partirà sicuramente il 1 gennaio, anch’essa rimandata a causa di una pandemia (avrebbe dovuto iniziare a luglio). Si tratta di un concorso gratuito collegato alla ricevuta elettronica. In totale, sono disponibili 50 milioni di euro, il piatto più grande è destinato a spese “zero cash”.

Puoi guadagnare fino a 5 milioni di euro e in questo caso verrà premiato anche l’operatore (fino a 1 milione di euro). Anche chi usa i contanti può sperare di avere fortuna e raccogliere fino a 1 milione di euro. Oltre al bottino più grande, sono in palio anche premi mensili e settimanali che vanno da 5.000 a 100.000 euro.

Basta spendere un euro per avere un biglietto virtuale e partecipare alla lotteria, dopo aver chiesto al commerciante di abbinare allo scontrino il suo “codice lotteria”, ovvero il codice alfanumerico ottenuto accedendo al area pubblica del Portale della Lotteria.

I nuovi massimali previsti per i pagamenti in contanti sono un altro elemento del piano “less liquidity”: dal 1 luglio la soglia è stata ridotta da 3 a 2mila euro e nel 2022 si prevede di scendere ulteriormente, raggiungendo i mille euro e tornando così ai livelli stabiliti con il dl Salva Italia nel 2011. Sempre dal 1 luglio è stato varato l’obbligo per i professionisti di accettare pagamenti tramite posta e carta di credito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *