L’UE ha sempre fornito armi alla Russia attraverso una scappatoia, la maggior parte dell’arsenale russo proviene dal suo suolo natale

L’UE ha sempre fornito armi alla Russia attraverso una scappatoia, la maggior parte dell’arsenale russo proviene dal suo suolo natale

Soldati russi e bielorussi a bordo di un elicottero dell'esercito vicino al confine bielorusso con la Polonia, novembre 2021. Negli ultimi anni la Russia ha importato armi da dieci paesi dell'UE.  Punto di accesso all'immagine

Soldati russi e bielorussi a bordo di un elicottero dell’esercito vicino al confine bielorusso con la Polonia, novembre 2021. Negli ultimi anni la Russia ha importato armi da dieci paesi dell’UE.Punto di accesso all’immagine

Dieci paesi dell’UE hanno ancora fornito armi alla Russia dopo il 2014 tramite scappatoia

Dieci paesi dell’UE hanno fornito armi alla Russia dopo l’annessione della Crimea, anche se sono state bandite. Dal 2015 al 2021, gli Stati membri hanno guadagnato 346 milioni di euro nel commercio di armi con i russi, secondo dati pubblici.

Le consegne sono state possibili a causa di un difetto. L’embargo commerciale è stato imposto il 1 agosto 2014, dopo che il primo ministro Dmitry Medvedev ha dichiarato che la Crimea è territorio russo. Coarm, una task force dell’Unione europea che tiene traccia di tali dati, afferma che c’era un’eccezione per i contratti stipulati prima del divieto. Dopo il 2014, le esportazioni di armi sono diminuite drasticamente.

La Francia è stato il primo fornitore con 152 milioni di euro. Secondo la piattaforma di ricerca francese Disclose, si trattava di bombe e siluri, ma anche di termocamere. Seguono Germania (121,8 milioni) e Italia (22,5 milioni). La Germania ha fornito, tra l’altro, barche e cannoni, veicoli italiani. I Paesi Bassi non sono nella lista.

La stessa Russia è un importante fornitore, in particolare per l’India e la Cina

Mentre è probabile che le armi fornite dall’Europa vengano ora utilizzate in Ucraina, la Russia ne produce la maggior parte da sola. Con esportazioni per un valore stimato di 15 miliardi di dollari all’anno dal 2015, è il secondo fornitore di armi al mondo dopo gli Stati Uniti. Questo importo è stato in gran parte pagato per aerei, ma anche per motori, missili, veicoli e cannoni antiaerei.

Quasi un terzo delle esportazioni russe dal 2015 al 2020 è andato in India. Lo dimostra una ricerca dell’istituto di ricerca svedese Sipri. È seguita dalla Cina come secondo importatore di equipaggiamento militare russo. Le due superpotenze asiatiche si sono astenute dal votare sulla condanna del Consiglio di sicurezza dell’Onu per l’invasione dell’Ucraina.

READ  L'Italia vuole scegliere il suo candidato preferito per ITA Airways questo mese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *