Un italiano (79) ruba un antico elmo di bronzo e ottiene cinque mesi di carcere

Il casco offerto dall’italiano © Parquet

DELFT – Un uomo che voleva restaurare un vecchio elmo di bronzo a Delft è stato condannato martedì da un giudice dell’Aia a cinque mesi di carcere, tre dei quali sospesi. L’elmo – del IV secolo aC – è stato trovato trafugato da una tomba italiana. Il caso è giunto al culmine quando i restauratori del Kunstwacht hanno scoperto che c’era ancora dello sporco sull’elmo. Hanno chiamato la polizia.

Il fornitore del casco, un italiano di 79 anni, è stato trovato coinvolto nel furto del vecchio casco. Era già stato arrestato in Belgio e Germania con elmetti simili. L’elmo che ha offerto a Delft avrebbe potuto valere un sacco di soldi: alle aste d’arte, in precedenza erano stati offerti 175.000 euro per oggetti simili.

L’elmo, insieme ad altri manufatti, è stato rubato da una folla da tombe in Italia. Questa banda è stata recentemente arrestata e anche la giustizia italiana stava cercando l’uomo arrestato a Delft.

I ladri di tombe distruggono molto

Martedì il pubblico ministero ha chiesto una condanna a un anno, di cui tre mesi con la sospensione della pena.Secondo il pubblico ministero, i ladri di tombe distruggono molto in Italia. “Monsieur ha contribuito a questo.”

L’avvocato dell’italiano ha contestato in tribunale che il casco avesse un valore elevato. “Questo è ciò che lo sciocco dà per questo”, ha detto. Un vecchio negozio di ferramenta non pagherebbe molto.

Assente nel caso

L’italiano – insegnante in pensione – non era presente durante la vicenda. Dopo il suo arresto a Delft, ha trascorso due mesi in una cella olandese. Quando ha avuto un ictus, è stato trasferito in una struttura medica in Italia.

Il giudice ha tenuto conto delle condizioni dell’uomo nel determinare la sentenza. Il manufatto è stato trasferito al Museo Nazionale delle Antichità di Leida.

💬 Contattaci!
Hai qualche consiglio o commento per gli editori? Invia un messaggio a[email protected]
READ  è buono e giusto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *