Mangiamo (quasi) tutti troppo sale, qual è il rischio?

Mangiamo (quasi) tutti troppo sale, qual è il rischio?

In categoria Il cibo al microscopio condividiamo una visione scientifica di nutrizione e salute. Internet è pieno di affermazioni su questi due grandi argomenti, ma le informazioni sono corrette? Forniamo chiarezza con l’aiuto di vari esperti. Con oggi: quasi tutti mangiamo troppo sale. Qual è il rischio di questo?

Colazione con uova strapazzate, un panino al formaggio a pranzo e una porzione di patatine fritte salate a cena perché è venerdì. La tua giornata è stata così oggi? È quindi possibile che tu abbia ingerito troppo sale. Quali rischi comporta? Metropolitana ha chiesto Iris Groenenberg, esperta di nutrizione e salute presso il Centro di nutrizione.

Secondo Groenenberg, il termine sale è spesso confuso con sodio perché il sale è la principale fonte di sodio nella dieta. “Quando parliamo di sale, di solito intendiamo sale da tavola. È generalmente accettato che quando si tratta degli effetti sulla salute del sale, si tratta quasi sempre degli effetti del sodio. Per coerenza, usiamo il sale il più possibile.

Un massimo di 6 grammi di sale al giorno

“Il Board of Health consiglia agli adulti di assumere non più di 6 grammi di sale al giorno”, afferma Groenenberg. Secondo il nutrizionista, ciò equivale a 2,4 grammi di sodio. Il consiglio massimo è più basso per i bambini. Groenenberg afferma inoltre che circa l’80% della popolazione olandese consuma più della quantità massima raccomandata. “In media, gli adulti mangiano 7,8 grammi al giorno. Gli uomini mangiano in media 8,9 grammi al giorno, le donne 6,6 grammi al giorno.

Più di tre quarti degli olandesi consumano quindi troppo sale ogni giorno. Allora perché è così importante mangiare meno sale? “Ridurre l’assunzione di sale riduce il rischio di ipertensione, che a sua volta riduce il rischio di malattie cardiovascolari”.

READ  L'atterraggio dell'astronave SN9 è fallito, un'altra finale col botto!

Pane e piatti cucinati

Se vuoi mangiare meno sale, secondo Groenenberg, lasciare il macinasale in piedi non è abbastanza. “Si stima che aggiungiamo solo il 20% circa della quantità di sale che ingeriamo al nostro cibo. Il restante 80% proviene dal sale da cucina che i produttori aggiungono a prodotti come pane e piatti pronti. I produttori lo fanno, ad esempio, per migliorare il gusto, la durata o la struttura.

A quali prodotti alimentari dovrebbe essere prestata attenzione secondo il nutrizionista? “Alti livelli di sale possono essere trovati in piatti pronti, pizze, zuppe, salse, pane, prodotti a base di carne, formaggio e snack salati”. Dice anche che alcuni farmaci possono contribuire all’assunzione di sodio.

Perché vuoi continuare a mangiare un po’ di sale

Mangiare senza sale non è una buona idea, secondo Groenenberg. “Il nostro corpo ne ha bisogno per regolare la quantità di liquidi nel corpo. Il sodio è importante per la regolazione dell’equilibrio idrico nel corpo, per la regolazione della pressione sanguigna e per il corretto funzionamento delle cellule muscolari e nervose. Secondo il nutrizionista, non capita spesso che le persone consumino troppo poco sale. È difficile dire esattamente quanto ci serve. “Dipende da quanto sale perdi quando urini o sudi e da quanto sei attivo”.

“Circa il 98% del sale che ingeriamo attraverso il cibo viene assorbito dal corpo. Ciò accade sia nell’intestino tenue che nell’intestino crasso. I reni regolano la quantità di sodio nel corpo. Quindi urini a circa il 95% Una piccola parte scompare attraverso le feci e attraverso la pelle nel sudore.

Questo è il modo in cui controlli l’assunzione giornaliera di sale

Dopo aver letto questo articolo, vuoi prestare attenzione alla quantità di sale che consumi quotidianamente? I seguenti suggerimenti di Groenenberg ti aiuteranno:

  1. Sale himalayano, sale marino, sale celtico, lo è solo sale† Tutte le varietà contengono all’incirca la stessa quantità di sodio e non contengono iodio. Se vuoi mangiare meno sale, usane il meno possibile.
  2. Cucina di più da solo. Prepara le tue salse, marinate, condimenti o zuppe, quindi decidi quanto sale aggiungere.
  3. Dai al tuo cibo un gusto diverso† Il restante 20% del sale che consumiamo, lo aggiungiamo noi stessi durante la cottura o a tavola per dare sapore al cibo. Dai un’occhiata ad altri condimenti più sani come le erbe fresche. Vuoi aggiungere un po’? Non utilizzare un macinasale.
  4. Controlla l’etichetta. Zuppe, salse, carni lavorate, alternative di carne pronte, piatti pronti e pizze sono spesso ricchi di sale. Confrontando le etichette si può optare per varianti meno salate.
  5. Tenere un diario alimentare (online) perché quando sai cosa stai mangiando, hai un’idea migliore dell’assunzione di sale. Questo può essere fatto, ad esempio, con il contatore da pranzo del Centro Nutrizionale.
READ  storico accordo con la NASA

Puoi trovare altri articoli sulla nutrizione qui.

Hai visto un errore? Mandaci una email. Ti siamo grati.

Risposta all’articolo:

Alimentazione al microscopio: mangiamo (quasi) tutti troppo sale, qual è il rischio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *