Marechaussee ha ricevuto auto blindate pericolose, il fornitore deve pagare milioni

Marechaussee ha ricevuto auto blindate pericolose, il fornitore deve pagare milioni

Problemi con l’impianto frenante, il piantone dello sterzo e il serbatoio del carburante che potrebbero impedire la frenata delle auto blindate, far perdere il controllo del volante al conducente o creare un pericolo di esplosione.

Questi, insomma, i difetti più gravi e pericolosi riscontrati sui blindati Toyota che la società francese Centigon ha consegnato alla polizia olandese nel 2019.

Sicurezza a rischio

Poiché le forniture francesi si rivelarono del tutto inutili, la Maréchaussée non disponeva di auto blindate e la sicurezza di oggetti ed edifici ad alto rischio era minacciata.

E’ quanto emerge da una recente decisione del tribunale dell’Aja. Il Dipartimento della Difesa e Centigon hanno rifiutato di commentare la questione.

Ordine da un milione di dollari

All’inizio del 2018, lo stato olandese ha ordinato 24 Toyota Landcruiser blindati dalla società di sicurezza francese Centigon attraverso la Defense Materiel Organization (DMO). I veicoli sarebbero utilizzati dal Royal Netherlands Marechaussee, in particolare per la protezione di oggetti ad alto rischio. Prezzo da pagare: 7,3 milioni di euro, ovvero più di 300.000 euro per vettura.

Centigono è un nome familiare nei circoli della difesa. L’azienda si occupa da oltre un secolo di messa in sicurezza e blindatura di veicoli. L’azienda ha anche recentemente lavorato su camion per l’esercito olandese.

opera maggiore

Per la missione olandese, i francesi avrebbero convertito una versione americana del Toyota Landcruiser 200 in una versione blindata. Si è rivelato un compito arduo.

Centigon ha dovuto smontare parzialmente le auto prima di applicare l’armatura. Per fare spazio all’armatura, è stato necessario modificare gran parte dell’equipaggiamento standard, come il cablaggio elettrico. Le modifiche hanno anche reso le vetture due volte più pesanti, quindi è stato necessario rafforzare gli impianti frenanti.

READ  Il sito web dell'UMCG è stato chiuso dal gruppo di hacker filo-russo Killnet | Tecnologia

pieno di difetti

Appena in tempo, Centigon ha consegnato le prime diciotto Toyota corazzate ai Paesi Bassi tra ottobre 2018 e febbraio 2019. Tuttavia, questi veicoli si sono rapidamente rivelati pieni di difetti. Oltre a piccoli errori di produzione, sono stati individuati anche gravi problemi che hanno comportato rischi per la sicurezza.

Ad esempio, secondo il Ministero della Difesa, esiste il rischio di esplosione a causa dell’aumento della temperatura e della pressione nei serbatoi del carburante, problemi di frenata che possono portare alla perdita di pressione dei freni o alla piena potenza frenante ed errori di installazione nel sistema di sterzo che potrebbe causare la perdita di controllo del veicolo da parte del conducente.

Il fornitore ha riconosciuto le carenze nel maggio 2019 e ha restituito le auto blindate alla fabbrica. Entro tre mesi, i problemi sarebbero stati risolti a spese della Francia. Nello stesso anno, le auto tornarono davvero nei Paesi Bassi. Ma lì i problemi non sono stati risolti.

Nessuna responsabilità

Durante un’ispezione alla presenza della casa automobilistica olandese Louwman, che avrebbe dovuto riparare le auto, è stato nuovamente riscontrato un lungo elenco di difetti. Permanevano gravi rischi per la sicurezza dovuti a problemi ai serbatoi del carburante, agli impianti frenanti e al piantone dello sterzo.

I problemi erano così gravi che Louwman si è ritirato temporaneamente come società di manutenzione nel novembre 2019. “A causa della natura dei guasti attuali (…) non vogliamo assumerci la pesante responsabilità di rimettere le auto su strada dopo la manutenzione ”, ha scritto la società allo Stato.

Reclamo da un milione

Questo ha fatto evaporare l’ultimo pezzo della fiducia dell’organizzazione dell’equipaggiamento per la difesa in Centigon.

READ  La coalizione con Mona Keijzer vuole sbarazzarsi del corona pass | Interno

Alla fine del 2019, lo Stato olandese ha sciolto il contratto, strappato l’ordine per i sei veicoli blindati non consegnati e ha chiesto il rimborso per i diciotto veicoli blindati senza valore e inutilizzabili in un hangar. Inoltre, lo stato ha chiesto una multa contrattuale di mezzo milione.

Sicurezza a rischio

Ciò indicava non solo le carenze delle stesse auto blindate, ma anche i problemi operativi che la polizia doveva affrontare a causa del fallimento delle consegne.

In risposta a un rapporto investigativo del Ministero della Difesa, nel 2021 sono già apparse notizie sui media sulla carenza di auto blindate nella Maréchaussée, a seguito della quale il sicurezza di oggetti rischiosi venni. La gravità dei problemi non è stata divulgata al momento.

rifiuto francese

Quanto veloce era stato Centigon nella primavera del 2019 nel riconoscere gli errori e promettere il recupero, quanto erano riluttanti i francesi a pagare la richiesta.

Secondo il fornitore, lo Stato ha ingiustamente risolto il contratto. Ad esempio, i difetti non sarebbero abbastanza gravi, e per di più riparabili. Ha anche ritenuto ingiusto rimborsare i milioni perché la società aveva consegnato le auto ed effettuato costose riparazioni a proprie spese.

Alla corte

Lo stato olandese ha poi portato la società in tribunale nell’estate del 2021. Il mese scorso, quasi due anni dopo, il tribunale dell’Aia ha finalmente emesso una sentenza definitiva sul caso.

Secondo il tribunale dell’Aia, è stato dimostrato che Centigon ha fornito veicoli blindati difettosi e pericolosi. Il giudice ritiene inoltre logico che l’organizzazione di attrezzature per la difesa abbia perso la fiducia nel fornitore dopo il fallimento dell’operazione di recupero. Su questa base, lo Stato è stato autorizzato a risolvere il contratto.

READ  Il vaccino Curevac "sarà la rivoluzione". L'immunologo spiega perché

pagare 6 milioni

Infine, il tribunale dell’Aja ordina alla società francese di rimborsare gli oltre 5,5 milioni di euro già percepiti. A ciò si aggiunge una sanzione contrattuale di oltre mezzo milione di euro.

Le domande riconvenzionali della società francese per il pagamento di oltre un milione di euro di arretrato e il risarcimento per il ritiro dell’ordine delle ultime sei vetture sono state respinte dal tribunale dell’Aia.

Chiamata

Il portavoce, il capitano Tom van Hout del ministero della Difesa, ha dichiarato di non essere ancora in grado di commentare il verdetto. “È vero che abbiamo vinto questa causa. Ma il periodo durante il quale la controparte può presentare ricorso è ancora in corso. Fino ad allora, non possiamo rilasciare alcuna dichiarazione sul caso”.

Secondo Van Hout, la polizia ha continuato a utilizzare i vecchi veicoli per qualche tempo e ha cercato un’alternativa ai nuovi veicoli. “Di conseguenza, il compito dello squadrone di sicurezza ad alto rischio Maréchaussée non poteva essere svolto in modo ottimale”.

Centigon non vuole rispondere a un elenco di domande inviato via e-mail, ha detto il portavoce Nicolas Lecomte. Ad esempio, al momento non è noto se i francesi presenteranno ricorso contro la decisione del tribunale dell’Aia. Centigon inoltre non direbbe se il problema ha avuto un impatto su un’altra recente missione di blindatura, per le cabine dei camion dell’esercito olandese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *