Mathieu van der Poel prende in giro l’adesivo della ruota di Bini Girmay dopo il commento sul percorso del Giro | pagamento

Van der Poel e Girmay facevano parte di un grande gruppo di testa, ma alla fine persero la battaglia decisiva. Nell’inseguimento degli eventuali primi quattro corridori, la collaborazione tra i due non è andata bene. “Tutti stavano guardando Mathieu e me. Era impossibile correre da soli. È stata dura, ma sono contento della mia prestazione di oggi”, ha detto il 22enne pilota eritreo.

Van der Poel ha risposto sui social media con una faccina sorridente con le lacrime che colavano dai suoi occhi ridenti. Sembrava quindi che Girmay stesse guidando principalmente al volante del vincitore della prima tappa.

“Girmay ha appena guidato la ruota di Van der Poel oggi”, afferma Thijs Zonneveld nel podcast. nella ruota† ,, infatti, fino alla fine ha pensato che ‘Van der Poel tornerà nel gruppo di testa e poi vincerò io. Questo non accade. Hai davvero visto dopo un chilometro che Van der Poel si è guardato indietro, Girmay non ha più preso il comando e Van der Poel ha pensato “Io no, quindi nemmeno tu”. Penso che Girmay abbia ragione a guidare così. Chiunque può vincere una grande gara in questo modo. Ma ha 22 anni ed è così bravo e così veloce che ha anche delle responsabilità.

Ascolta di più nel podcast qui sotto:

La vittoria di tappa è andata infine a Thomas de Gendt. Girmay ha tagliato il traguardo quinto, Van der Poel settimo.

READ  Sanne de Jong vince il campo 4* in Italia con Enjoy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.