Riserva di $ 1,2 miliardi di Bitcoin Luna Foundation Guard persa » Crypto Insider

Luna Foundation Guard (LFG) è un’organizzazione senza scopo di lucro che mira a supportare e aiutare a far crescere l’ecosistema Terra (LUNA). Per fare questo, avevano a Bitcoin (BTC) riserva di 70.736 bitcoin, per un valore di circa 2 miliardi di dollari. Questa riserva verrebbe utilizzata per mantenere la stabilità della stablecoin in caso di fallimento con LUNA.

Nonostante l’enorme quantità di BTC acquistata, le riserve non sono ancora riuscite a salvare UST. il moneta stabile deve, come suggerisce il nome, rappresentare un valore di $1. Al momento della stesura di questo articolo, questa stablecoin vale solo $ 0,17, che è un calo significativo.

Nel frattempo, LFG ha concesso un prestito da questa riserva di bitcoin a sul bancone (OTC) società di investimento per proteggere UST. Questo dovrebbe lasciare in riserva 1,2 miliardi di dollari di bitcoin. L’organizzazione non ha ancora annunciato nulla in merito a questa riserva.

Naturalmente possiamo attraverso il catena di blocchi guarda nel wallet della LFG, però, vediamo che non ci sono più bitcoin in questo wallet. Questi dati di portafoglio sono stati annunciati il ​​9 maggio tramite Twitter:

Ma dove sono questi bitcoin?

Fuori su catena i dati mostrano che i 70.736 bitcoin sono scomparsi dalle riserve di LFG. La stessa LFG ha indicato di aver bisogno di un ulteriore miliardo di dollari per proteggere la stablecoin. Tuttavia, sembra che LFG non abbia più bisogno di BTC poiché la società non ne fa più rapporto. Inoltre, il fondatore di Terra pensa che UST sia possibile non può più essere salvato.

Quindi, dove siano finiti esattamente tutti i bitcoin nella scorta o per cosa siano stati usati, per ora rimane un mistero. Criptovaluta il ricercatore Mika Honkasalo dice quanto segue a riguardo:

“Piuttosto banale che nessuno sappia cosa ha fatto LFG con i miliardi di garanzie BTC.

Presumo che siano stati venduti, ma circolano molte voci sul fatto che ne abbiano ancora la maggior parte.

READ  Renault Austral: le prime immagini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.