Meta finalmente disconnette il progetto del data center in Zeewolde

Meta afferma in una dichiarazione che la costruzione del data center a Zeewolde “non è l’investimento giusto”. “Stiamo finalizzando i nostri piani di sviluppo e stiamo lavorando a stretto contatto con il comune e la provincia per completare questo progetto in modo efficiente”, ha affermato un portavoce dell’azienda.

Secondo Meta, mancava “un buon adattamento all’ambiente”. A fine marzo, la casa madre di Facebook, Instagram e WhatsApp aveva già sospeso i piani per il data center, che con 166 ettari sarebbe dovuto diventare il più grande del suo genere in Europa.

Municipio contro, terreno invenduto

Il data center ha potuto inizialmente contare sul supporto del consiglio comunale di Zeewelde, che lo ha approvato nel dicembre 2021. Avversari del piano tuttavia ha vinto a marzo le elezioni comunali, che hanno ottenuto la maggioranza dei voti contrari all’arrivo del complesso.

Il governo ha anche deciso di recente il terreno su cui sarebbe situato il data center. non ancora in venditaperché Meta non soddisfaceva i requisiti stabiliti per la durata e il consumo di energia.

Consumo energetico critico e calore di scarto

I grandi data center sono sempre più controversi perché elevato consumo energetico mette a dura prova la rete elettrica, dove lo spazio è già molto limitato.

Ci sono anche preoccupazioni per l’utilizzo dell’acqua e cosa succede al calore di scarto. Questo calore residuo può essere dannoso per l’ambiente e la natura circostante. Gli oppositori affermano che anche preziosi terreni agricoli andrebbero persi e che enormi edifici di data center si stagliano sul paesaggio.

I sostenitori dei data center avevano indicato i posti di lavoro aggiuntivi e le entrate fiscali. La società non dice se Meta cercherà un altro sito olandese per un data center.

READ  FNV Youth Care deciderà le azioni in un secondo momento | ADESSO

“Vittoria per l’elettore”

“Non mi aspettavo che Meta si staccasse così rapidamente. Siamo lieti che abbiano preso questa decisione”, ha risposto Tom Zonneveld, leader di Leefbaar Zeewolde. “Questa è una vittoria per gli elettori. Ora è chiaro anche nei Paesi Bassi quali sono gli svantaggi di questi grandi data center”.

Regole più severe

In Olanda ce ne sono Da 20 a 25 progetti per la creazione e l’ampliamento di nuovi data center. Questa settimana diventare conosciuto che al momento non ci sarà un grande data center nella città di Appingedam a Groningen. Il comune di Groningen non vede spazio per il previsto data center di 22 ettari.

Il governo ha recentemente annunciato regole più severe per i data center di grandi dimensioni, il che significa che possono essere concessi in licenza solo in alcune aree di Groningen e dell’Olanda settentrionale. A febbraio, il gabinetto lo aveva già detto fino a novembre nessuna richiesta di costruzione può essere preso in considerazione per data center di 10 ettari o più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.