Mi scuso da Jumbo, fa incazzare il lattaio che lavora sodo

Mi scuso da Jumbo, fa incazzare il lattaio che lavora sodo

“È iniziato sabato mattina, con la nota jumbo a Sint-Oedenrode”, spiega Gertie Schouten del caseificio Schouten-Sleutjes. Problemi di consegna, c’è scritto sullo scaffale.

“Dev’essere una questione di soldi, ho pensato, trattative. Ma quando ho visto la nota di siccità, ho pensato: racconterò la storia onesta su Facebook”.

(Le varie lettere di scuse sono state raccolte nel tweet qui sotto dalla parlamentare di BoerBurgerBeweging Caroline van der Plas.)

Gertie Schouten: “La storia onesta non è che non ci sia latte a causa della siccità. Jumbo non ha voluto pagare quello che Campina chiede per il latte a nome di tanti allevatori. Ciò ha causato problemi nelle scorte.

Anche altri agricoltori hanno donato Jumbo online questo fine settimana. In particolare, la lettera di scuse per la siccità ha fatto arrabbiare molti.

“C’è abbastanza latte”

FrieslandCampina oggi non vuole rispondere alle domande sulla trattativa con Jumbo. Un portavoce: “Quello che posso dire è che possiamo fornire il latte come al solito, non ci sono problemi di approvvigionamento da parte nostra”.

La Big Dairy Company è una cooperativa di cui fanno parte circa 15.000 allevatori. “Gli agricoltori ricevono da noi un prezzo garantito per il loro latte e negoziamo di nuovo con il rivenditore [zoals Jumbo, red.] sul prezzo dei latticini che ne ricaviamo”.

Supermercato Jumbo non significa più di un “problema” che è stato risolto. Un numero limitato di negozi è stato interessato dal problema delle scorte. La siccità e la mancanza di erba bagnata sono state erroneamente citate come causa, un portavoce ora ammette

READ  Coronavirus: Ubs, miliardari più ricchi con la pandemia - Ultima Ora

“Sono felice che Campina abbia mantenuto il corso”, dice l’agricoltore Gertie Schouten. “Non sono solo gli elevati costi energetici e di carburante per il trattore, ma anche il mangime per vacche e il fertilizzante che diventeranno molto più costosi. Al momento ce la possiamo fare, ma se il prezzo è sotto pressione se, ad esempio, un supermercato non vuole pagare, allora sarà difficile anche per noi.

Prezzi del latte storicamente alti

Gli scaffali dei latticini si sono svuotati poco dopo l’annuncio il nuovo prezzo del latte che i produttori di latte sono pagati, il che è storicamente alto. A livello globale, l’offerta è leggermente inferiore alla domanda, il che ha fatto aumentare i prezzi del latte dalla metà dello scorso anno.

“Ora ricevo 52,5 centesimi al litro di latte, non ricordo un prezzo così alto”, afferma l’agricoltore Edwin Sengers. “È fantastico, ma se confronti la resa con il costo, è più o meno lo stesso. Alcuni anni fa ricevevo dai 30 ai 35 centesimi per litro di latte, ma il prezzo delle vacche da foraggio era a un livello completamente diverso. Io per Da 20 a 30 euro per 100 chili, sono quasi 60 euro adesso”.

quarta generazione

Sengers ha anche espresso la sua frustrazione online durante il fine settimana: “CIAO JUMBO, cosa facciamo? L’agricoltore può anche farsi pagare i costi con un piccolo margine…”

“Sono la generazione numero quattro in questo caseificio”, dice al telefono, “e spero che seguiranno molte generazioni. Voglio un prezzo di mercato redditizio per i prodotti lattiero-caseari e carne che dia agli agricoltori l’opportunità di fare investimenti per il futuro. In un buon futuro, con attenzione all’ambiente, alla biodiversità, al benessere degli animali e all’ambiente”.

READ  Il negozio online CD-ROM-land andrà offline il 31 marzo dopo l'acquisizione da parte di Megekko - IT Pro - Notizie

Mentre chiama, falcia il prato, 25 acri per l’esattezza, da conservare come foraggio invernale per dopo. “Di’ a Jumbo di non preoccuparti. Abbiamo ancora abbastanza erba bagnata in magazzino per nutrire le mucche.”

I latticini sono più costosi al supermercato?

Il fatto che i costi più elevati vengano parzialmente trasferiti al consumatore dipende dalle trattative contrattuali tra il supermercato e il produttore lattiero-caseario, spiega Martin Valstar dell’associazione di categoria ZuivelNL.

La produzione di latticini è diventata più costosa in diversi modi. Non solo a causa dei prezzi più elevati del latte, ma anche a causa dei maggiori costi energetici e alimentari per l’agricoltore, dei maggiori costi energetici per lo stabilimento che lavora il latte e dei maggiori costi per il trasporto del burro o del formaggio che ne deriva. Valstar: “E anche il mercato lattiero-caseario globale risente della guerra in Ucraina, che porta incertezza”.

Il trasferimento di costi più elevati è più con un prodotto che con un altro prodotto. Il venditore, spesso un supermercato, deve considerare il proprio reddito, ma anche quanto il consumatore è disposto a pagarlo. Inoltre, il produttore di latticini vuole anche un buon prezzo per i suoi prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *