Microplastiche nelle arterie: aumentato più del doppio il rischio di infarto e ictus, uno studio italiano – Corriere della Sera

Microplastiche nelle arterie: aumentato più del doppio il rischio di infarto e ictus, uno studio italiano – Corriere della Sera

Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ha evidenziato i rischi per la salute umana derivanti dall’esposizione al polietilene e al PVC, due tipi diffusi di plastica. Secondo la ricerca condotta dall’Università della Campania in collaborazione con l’IRCSS Multimedica di Milano e l’Harvard Medical School di Boston, le micro e nanoplastiche potrebbero rappresentare un nuovo fattore di rischio per le malattie cardiovascolari.

Queste particelle di plastica sono state individuate in vari organi e tessuti umani, dimostrando per la prima volta la pericolosità di tali inquinanti per la salute. L’esposizione a micro e nanoplastiche aumenta il rischio di infarto e ictus, in quanto promuovono l’infiammazione delle placche aterosclerotiche e possono causare ostruzioni nei vasi sanguigni.

Il meccanismo attraverso il quale la plastica danneggia il cuore è legato allo stress ossidativo, all’infiammazione e all’alterazione del ritmo cardiaco. Le plastiche come il polietilene e il PVC, presente in molti prodotti di consumo, contribuiscono alla produzione di microscopiche particelle che possono contaminare l’ambiente e l’organismo umano.

L’aumento della produzione di plastica nel mondo potrebbe aggravare i danni causati da queste materie, con la previsione di un raddoppio della produzione entro il 2040. È quindi urgente adottare misure per ridurre l’impatto delle micro e nanoplastiche sulla salute umana e sull’ambiente.

READ  Fegato, lorgano che depura e compensa i nostri errori (come lalcol), ma non per sempre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *