“Microsoft vuole che gli strumenti IA concorrenti smettano di usare i dati di Bing” – IT – News

Microsoft vorrebbe che i motori di ricerca concorrenti smettessero di utilizzare i dati di ricerca di Bing per i propri strumenti di intelligenza artificiale. Bloomberg lo riporta sulla base di conversazioni con addetti ai lavori. DuckDuckGo, tra gli altri, ha una licenza per questi dati.

Microsoft ha secondo Bloomberg ha minacciato di bloccare l’accesso all’indice di ricerca di Bing se i motori di ricerca concorrenti non avessero smesso di utilizzare questi dati come base per i propri prodotti AI. Secondo il gigante della tecnologia, ciò viola il contratto di licenza. Secondo quanto riferito, Microsoft ha accusato almeno due parti di violazione del contratto, ma non è chiaro quali.

I motori di ricerca Yahoo, DuckDuckGo, You e Neeva, tra gli altri, concedono in licenza i dati di Bing per alcune delle loro informazioni perché l’indicizzazione dell’intero Internet è molto costosa. L’indice di ricerca di Microsoft è una sorta di mappa di Internet che può essere scansionata in tempo reale. Gli ultimi tre motori di ricerca hanno tutti recentemente rilasciato uno strumento di intelligenza artificiale.

Google e Microsoft sono le uniche due società a indicizzare in modo indipendente l’intera Internet. Google non concede in licenza l’uso del suo indice di ricerca, il che significa che tutti gli altri motori di ricerca si affidano a Bing.


Lo strumento AI di DuckDuckGo, DuckAssist
READ  Attenzione alla moneta da 2 euro che non si trova: può valere molto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *