Mobility scooter il mezzo di trasporto più pericoloso: rischio di incidenti mortali maggiore rispetto a una moto |  Interno

Mobility scooter il mezzo di trasporto più pericoloso: rischio di incidenti mortali maggiore rispetto a una moto | Interno

Scooter e altri veicoli per disabili sono più pericolosi nel traffico rispetto a mezzi di trasporto come moto o automobili. Lo scrive il ministro Mark Harbers (Infrastrutture e gestione dell’acqua) in una lettera a due parlamentari CDA.

Secondo Harbers, il numero di morti sulla strada tra gli scooteristi è aumentato negli ultimi 20 anni. Nel 2019 ci sono stati 42 morti sulla strada tra gli scooteristi, nel 2020 ci sono stati 34 incidenti mortali con scooter e nel 2021 sono stati 32. Le cifre nel 2020 e nel 2021 erano leggermente inferiori perché eravamo meno mobili a causa del corona.

I membri del CDA Werner e Van der Molen hanno posto al ministro domande critiche sulla sicurezza degli scooter dopo che un conducente di scooter a Groningen è entrato in acqua. La vittima è rimasta ferita lì.

Un solo veicolo si schianta

Il rischio di un incidente mortale è molto più alto con uno scooter o un veicolo in panne che con altri mezzi di trasporto come una moto, una bicicletta o uno scooter. È quanto emerge da uno studio condotto da On the Road nei Paesi Bassi del Central Bureau of Statistics (CBS), che ha confrontato il numero di persone uccise con il numero di chilometri percorsi. C’è il rischio di circa 275 morti per miliardo di chilometri per gli utenti di scooter. Negli ultimi anni sono stati 50 morti per miliardo di chilometri per i motociclisti, 42 per i conducenti di ciclomotori e ciclomotori leggeri, 13 per i ciclisti e 11 morti per miliardo di chilometri per i pedoni.

READ  Audi A1: novità dell'edizione 2021

La maggior parte degli incidenti che coinvolgono scooter per disabili e veicoli per disabili sono unilaterali. Spesso c’è una collisione con un ostacolo come un albero o un lampione.

Corso non obbligatorio

Secondo il ministro Harbers, entro la fine dell’anno è previsto un rapporto con i risultati della ricerca sulle normative sui veicoli disabili in altri paesi (europei). “In un nuovo quadro, la sicurezza di questi veicoli, così come la mobilità dell’utente, deve essere centrale”, scrive il ministro.

Agli utenti di scooter per disabili viene ancora offerto un corso, ma Harbers vede poco per renderlo obbligatorio. “È importante che le persone con disabilità possano essere mobili in modo indipendente, in modo che possano partecipare attivamente alla società. Per loro, un veicolo per disabili (come uno scooter per disabili) è spesso l’unica opzione per essere mobili in modo indipendente. Un corso obbligatorio non è quindi una scelta scontata”, ha affermato il ministro.

Foto per illustrazione.  Un uomo è stato investito da uno scooter a Eindhoven.

Foto per illustrazione. Un uomo è stato investito da uno scooter a Eindhoven. © Fotoperburo Bert Jansen

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *