Molti paesi dell’UE hanno a malapena congelato i beni russi |  Finanziario

Molti paesi dell’UE hanno a malapena congelato i beni russi | Finanziario

“Ci sono sei stati membri che fanno il lavoro”, ha detto. “Abbiamo una situazione in cui alcuni Stati membri ci danno molte informazioni, altri ci danno informazioni su importi molto bassi” e “si complica quando alcuni paesi non comunicano”.

Secondo Reynders, Germania, Francia, Irlanda, Austria, Belgio e Lussemburgo rappresentano 12,7 miliardi di euro dei 13,9 miliardi di euro ora congelati nell’Unione Europea, mentre l’Ue conta 27 Stati membri. Il belga crede che altri paesi dovrebbero fare di più per assicurarsi il denaro russo.

Non è chiaro sui Paesi Bassi

Non molto tempo fa, la De Nederlandsche Bank (DNB) ha annunciato che le banche olandesi avevano congelato o trattenuto 1,2 miliardi di euro di attività russe fino a metà giugno. Ma il rapporto tra queste cifre e gli importi citati da Reynders non è del tutto chiaro. In Germania, il ministro delle finanze Christian Lindner ha dichiarato a giugno che nel suo Paese erano stati congelati quasi 4,5 miliardi di euro

REPO, una task force speciale che lavora sulle sanzioni per i paesi, ha calcolato alla fine del mese scorso che oltre 330 miliardi di dollari di risorse finanziarie erano già stati assicurati in tutto il mondo. Sarebbero 30 miliardi di dollari in fondi da oligarchi e 300 miliardi di dollari dalla banca centrale di Mosca. Sequestrati anche diversi yacht di lusso e altre proprietà.

READ  La spesa per gli spot televisivi è tornata a crescere dopo il record del 2021 | ADESSO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *