L’anima gemella politica di Mussolini odora di potere

L’anima gemella politica di Mussolini odora di potere

Nella vecchia roccaforte della politica italiana nessuno può ignorare Giorgia Meloni. La bionda romana di 45 anni, attivista di destra dall’età di 15 anni, guida un partito con evidenti radici nel fascismo. Fratelli d’Italia (Fratelli d’Italia, che fa riferimento alla prima frase dell’inno nazionale italiano) è stato l’unico partito ad opporsi al governo di Mario Draghi, in ascesa nelle urne.

La crisi del governo gioca nelle sue mani. È scoppiato la scorsa settimana, quando il Movimento Cinque Stelle, uno dei principali partner del governo, ha rifiutato di votare al Senato su un pacchetto di sostegno. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha ritenuto che ciò fosse una violazione della fiducia e ha rassegnato le dimissioni. Il presidente italiano Sergio Mattarella ha rifiutato e ha inviato Draghi in parlamento mercoledì. Se questa crisi porta a elezioni anticipate, Meloni donna della destra italiana ottime possibilità di vittoria.

Alle elezioni del 2018 il suo partito ha comunque raggiunto il 4,3%. Ma ora il Fratelli oscilla intorno al 22%. Il partito è testa a testa con il Partito Democratico (PD) di centrosinistra.

Ma a differenza del PD, Meloni non si batte da solo per il voto. Sta stringendo un’alleanza politica con l’ex presidente del Consiglio di centrodestra Silvio Berlusconi, nel cui governo è stata ministro della Gioventù a 31 anni, e con il populista di destra Matteo Salvini. Se i sondaggisti hanno ragione, i Fratelli d’Italia potranno presto formare un governo di destra (radicale) con Forza Italia di Berlusconi e Lega di Salvini.

Resta da vedere quanto sarà giusto. Ma dovrebbe essere chiaro che Forza Italia, il partito più moderato dell’alleanza, ha cessato da tempo di essere l’arma elettorale del periodo d’oro di Berlusconi. Meloni lo supera facilmente, ma anche Salvini. Venerdì ha usato un colloquio dal vivo sul sito di Corriere della Sera utile per ricordare agli alleati una vecchia convenzione: il più grande partito dell’alleanza prevede il presidente del Consiglio. “Non vedo perché i Fratelli in Italia dovrebbero avere regole diverse”.

READ  De voorrondes van zaterdag 5 februari – Israele in Italia maken hun keuze – Songfestival.be

A cento anni dalla marcia su Roma che portò al potere Benito Mussolini, l’Italia riuscì così ad ottenere un capo di governo da un partito di radici fasciste. Quanto è allarmante? Quanto è davvero radicale Meloni?

Eredi di Mussolini

L’origine del suo partito è chiara. Fratelli d’Italia è il naturale successore di Alleanza Nazionale, partito di destra nato dal Movimento Sociale Italiano, fondato nel 1946 da simpatizzanti di Mussolini. Meloni proviene dall’ala giovanile di Alleanza Nazionale, ma sotto Gianfranco Fini si è evoluto in un partito al governo di centrodestra che voleva prendere le distanze dall’eredità di Mussolini.

Ma Fini è sparito dalla scena politica per anni. E Meloni è tagliato da un tessuto diverso. Il logo dei Fratelli d’Italia mostra di nuovo la fiamma nel tricolore italiano, un riferimento alla fiamma ardente sulla tomba di Mussolini. Ha lanciato la sua campagna elettorale 2018 in latino, vicino Roma, costruito dai fascisti. Lo ha fatto con Rachele Mussolini, nipote di Duca, ora consigliere comunale di Roma. Sempre nel 2018, Meloni ha dichiarato in un’intervista televisiva che l’italiano I gruppi neofascisti Casapound e Forza Nuova sarebbero “non xenofobi”.

“Probabilmente non ripeterebbe una cosa del genere oggi”, ha detto Giovanni Orsina, direttore della Scuola di Governo Luiss dell’Università Luiss di Roma. Secondo Orsina, Meloni ha subito un’evoluzione. Secondo lui i Fratelli d’Italia sono un partito postfascista, ma ai suoi occhi è completamente diverso da un partito neofascista, che vuole restaurare il fascismo. “Mussolini era antidemocratico e quindi antielettorale, molto diverso da Meloni, che chiede costantemente elezioni”.

A causa della rapida crescita dei Fratelli in Italia, i postfascisti nelle file del partito sono addirittura in minoranza, secondo Orsina. “Questo nocciolo duro non supera il 4%, risultato delle ultime elezioni”. Meloni ottiene anche i voti della Lega di Salvini, elettori indecisi e non ideologici sedotti dal politico più caldo del momento.

READ  Robert Doornbos e Chantal Bles si sposeranno in Italia il prossimo anno (RTL Boulevard)

Fratelli d’Italia è un partito conservatore nazionale, dice Orsina. Riconosce che Meloni è fortemente ideologica, ma fuori dall’Italia, secondo lui, è spesso definita troppo estrema, come “l’italiana Le Pen”. “Durante la campagna elettorale francese tra Marine Le Pen ed Emmanuel Macron, Meloni categoricamente non ha preso posizione”. I Fratelli italiani fanno anche parte del gruppo dei conservatori e riformisti europei (ECR) al Parlamento europeo, non del gruppo ID di destra radicale contenente Alternative für Deutschland, sottolinea il professore.

Ma nel gruppo europeo di Meloni c’è l’estrema destra spagnola Vox. Il mese scorso, ha sparato agli attivisti Vox nel sud dell’Andalusia, con a discorso urlante in cui si infuria “contro la massiccia immigrazione e la violenza islamista” e si implora “per la famiglia naturale e contro la lobby LGBT”.

Secondo il giornalista Paolo Berizzi, che indaga sull’estrema destra in Italia ed è protetto dalle minacce neofasciste, Meloni sta mostrando i suoi veri colori fuori dall’Italia, così come Salvini, che è stato già ospite dell’estrema destra in Belgio. “In Italia cercano di non spaventare gli elettori, ma all’estero si scatenano. È lì che cadono le maschere”.

Legami ai conservatori americani

Meloni ha anche buoni legami con il Partito Repubblicano di Donald Trump. A febbraio, ha parlato alla conferenza del CPAC in Florida, la grande massa annuale dell’America conservatrice. In lei discorso ha paragonato la crisi migratoria al confine messicano con la Sicilia. “Migliaia di migranti si stanno riversando, vivono negli slum, tagliano i salari dei nostri stessi lavoratori e spesso si trasformano in criminalità”.

Come Salvini, Meloni è ferocemente contrario all’immigrazione e critico nei confronti dell’UE. Ma mentre la Lega di Salvini aveva legami con il presidente russo Vladimir Putin, i Fratelli d’Italia non ne hanno. Meloni ha condannato rapidamente e inequivocabilmente l’invasione russa dell’Ucraina e ha sostenuto un forte rapporto con gli Stati Uniti. Questa posizione è difficile da digerire per gli ex sostenitori post-fascisti. Dopo la crisi di governo, Meloni si è affrettata a installare un cartello: «Elezioni, adesso! Lei è pronta.

READ  Primo focolaio di peste suina in Polonia quest'anno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *