Molti paesi europei stanno vivendo focolai di influenza aviaria

Molti paesi europei stanno vivendo focolai di influenza aviaria

In Olanda l’ultimo focolaio di influenza aviaria in un allevamento di pollame risale al 21 novembre. Da allora, la contaminazione degli allevamenti di pollame può essere evitata. Tuttavia, un’altra attività per il tempo libero è stata infettata il 21 dicembre.

In altri paesi europei, il virus altamente patogeno continua a devastare. Dal 1 agosto 2022, in Francia sono già stati identificati 270 focolai. La stragrande maggioranza sono allevamenti con anatre da carne. La regione più colpita è la Vandea con 116 famiglie e le regioni Maine et Loire (42 famiglie) e Deux-Sèvres (34) che circondano Nantes. In totale, la Francia ha registrato più di 1.550 focolai nel 2022.

Per contenere il numero di focolai, le misure sono state rafforzate all’inizio di dicembre. Anatre e tacchini in un’area compresa tra 10 e 20 chilometri intorno ai focolai vengono macellati preventivamente. E nessuna nuova anatre o tacchini può essere collocata in un’area di 50 chilometri intorno ai focolari.

Prove sui vaccini

In Francia sono attualmente in corso prove con due diversi vaccini per le anatre da macello. Inoltre, la ricerca è in corso nei Paesi Bassi e in Ungheria, tra gli altri. Se il risultato delle attuali vaccinazioni di prova è buono, il ministro dell’Agricoltura francese Marc Fresneau vuole iniziare la vaccinazione questo autunno. L’Europa deve consentire la vaccinazione e ci saranno buoni accordi con i partner commerciali all’interno e all’esterno dell’Europa.


Se i test funzionano bene, la Francia vuole iniziare a vaccinare questo autunno

Secondo i dati dell’Istituto Friedrich Loeffler, la Germania ha registrato 69 focolai di influenza aviaria a dicembre e 6 a gennaio, principalmente in anatre e polli, ma anche in tacchini e oche.

READ  “Molti italiani non ci saranno più. Non per viaggiare come in estate. Sciare? Per il momento non ci sono condizioni "

Anche la Polonia è alle prese con l’influenza aviaria. L’Organizzazione mondiale per la salute animale ha ricevuto 12 segnalazioni dal 15 dicembre. In totale, in questi allevamenti sono stati macellati quasi 450.000 polli con un numero di galline compreso tra 2.400 e 62.000. A volte c’era già un alto tasso di fallimento prima che l’attività fosse autorizzata.

La più grande epidemia nella Repubblica Ceca

Il più grande focolaio di influenza aviaria di questa stagione si è verificato il 3 gennaio in un allevamento ceco con 750.000 galline ovaiole. In Italia, quattro aziende sono state contagiate a dicembre. Due allevamenti di tacchini, un allevamento di pollame e un allevamento di faraone. A novembre altre 19 aziende sono state contagiate in Italia.

L’Ungheria ha registrato 3 focolai nelle ultime settimane, con un totale di 26.000 animali macellati. La Danimarca ha segnalato 2 focolai nelle ultime settimane con un totale di 86.000 animali. In Spagna è stata colpita una fattoria con 1.500 animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *