“Molti professionisti della salute sono sottoposti a test approfonditi. Alcuni mostrano depressione e ansia”.

Massimo Penna del Dipartimento di Psicologia Ospedaliera e Assistenza Intermedia guida il gruppo di lavoro Ausl. Cosa fa il servizio che coordini? Questo è il risultato della collaborazione tra la rete dei servizi di psicologia del territorio per rispondere alle esigenze imposte dall’emergenza pandemica e che va oltre il lavoro ordinario dedicato ai pazienti in collaborazione multidisciplinare con i servizi ospedalieri. “. Ai tempi di Covid, fornisci anche supporto …

Massimo Penna del Dipartimento di Psicologia Ospedaliera e Assistenza Intermedia guida il gruppo di lavoro Ausl.

Cosa fa il servizio che coordini?

Questo è il risultato della collaborazione tra la rete dei servizi di psicologia del territorio per rispondere alle esigenze imposte dall’emergenza pandemica e che va oltre il lavoro ordinario dedicato ai pazienti in collaborazione multidisciplinare con i servizi ospedalieri. “.

Durante il periodo di Covid, stai anche fornendo supporto ai tuoi colleghi. Perché ne hanno bisogno?

“Siamo già tutti attrezzati per affrontare eventi lavorativi molto stressanti, ma in realtà lo scenario aperto dalla pandemia ha aumentato lo stress tra gli operatori sanitari per paura di essere potenzialmente contagiati e quindi anche dei loro cari. e per stare lontano da tenere presente che si tratta di professionisti che nella prima fase si sono trovati di fronte a una nuova malattia, senza una cura certa. Questo ha creato una forma molto forte di stress che si è manifestata in sintomi cognitivi – cioè problemi di concentrazione, memoria, difficoltà a risolvere problemi, sensazione di irrealtà – con sintomi emotivi – impotenza, rabbia, tristezza, ansia e depressione e effettivo appiattimento emotivo – e manifestazioni comportamentali, come chiusure, evitamento, irritabilità, cambiamenti nelle abitudini quotidiane e difficoltà a dormire “.

READ  Tempesta di neve a metà aprile su gran parte della Pianura Padana

Hai notato cambiamenti nel corso dei mesi?

“Sì, nella prima fase le persone erano molto più spaventate, ma dovevano mantenere la calma e continuare a lavorare. Noi, gli psicologi del gruppo di lavoro, ci siamo posti l’obiettivo di offrire loro un supporto che potesse alleviare ansia e preoccupazione. per l’evento traumatico, ma allo stesso tempo soddisfare le esigenze dell’operatore per essere aiutato a mantenere e non perdere il senso della propria professionalità ed efficienza ”.

Che aiuto hai messo in atto?

“Abbiamo creato un gruppo di lavoro in rete con l’obiettivo di ridurre il carico emotivo dovuto alla pandemia, sulla base di percorsi brevi”.

Quante persone sono venute da te? “Abbiamo seguito circa 120 persone e continuiamo a rispondere alle richieste e ad attivare percorsi. Durante il blocco, non potendo incontrare fisicamente persone, abbiamo condotto interviste prima telefonicamente e poi con tablet e webcam ”.

Paolo tomassone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *