Perché la libertà non è ancora felicità

Il barometro corona dovrebbe diventare giallo dopo le vacanze di primavera. Questo significa la fine delle misure corona e l’inizio del regno della libertà, che aspettavamo da due anni.

Quindi il virus si allontana, eppure non camminiamo per le strade ad applaudire. Forse prudenti, dopo l’euforia malriposta della scorsa estate, e forse preoccupati anche per l’Ucraina e altri disastri. Ma ha anche a che fare con la fase stessa, che gli psicologi britannici ‘sbornia pandemica’ finì per essere chiamato: la sbornia dopo il corona.

La fine delle misure corona è in vista

“Confrontalo con il periodo di blocco”, afferma la terapeuta Rika Ponnet. “Studi per alcune settimane o mesi e non vedi l’ora che arrivi l’esame finale. Allora salterò, pensi, e rilascerò tutti i freni. Ma quando finalmente arriva quel giorno, non vuoi più fare niente e vuoi essere lasciato solo. Lo stesso vale per la corona. Ce ne sono alcuni che fanno festa, ma la maggior parte delle persone no. Non puoi semplicemente attivare e disattivare il “pop”. Un gruppo numeroso è stanco e ha bisogno di tempo per elaborare tutto. Finché sei in una storia di sopravvivenza, vai avanti. È solo ora che le acque sono un po’ più calme che si nota l’effetto del lavoro da casa con i bambini, le quarantene, le crisi che hai affrontato, il fatto che nulla era certo. E rendersi conto: sono stanco.

“Finché sei in una storia di sopravvivenza, vai avanti. È solo ora che le acque sono un po’ più calme che ti rendi conto: sono stanco’

Rika Ponetterapeuta relazionale

La psicologa Charlotte Viaene è d’accordo: “È solo quando il livello di stress diminuisce che inizi a sentire quanta energia è stata presa. Solo allora puoi permettere la fatica e otterrai il tuo colpo

READ  Fisica, entusiasmo per il muone e dubbi sulla "risposta inaspettata" all'esperimento - Corriere.it

Nella pratica di Viaene questo significa un aumento del numero delle iscrizioni e una nuova clientela. “Ora vedo anche operatori umanitari che hanno cercato di resistere il più a lungo possibile. Ora che le cose si stanno calmando, si permettono di prendersi cura di se stessi.

amici dimenticati

Sollevando quasi tutte le misure, si apre anche il coperchio e sorgono conflitti e domande. Domande sulla tua relazione, per esempio, che hai represso per tutto questo tempo in reclusione. “La crisi della corona ha influenzato la nostra legge nel nostro funzionamento relazionale”, afferma Ponnet. “Puoi vedere chiaramente che le persone hanno iniziato a pensare proprio a questi temi. A causa delle poche distrazioni, le persone sono arrivate a vedere molto chiaramente come è messo insieme il loro partner e se quella relazione è appagante. Le coppie che avevano ragione si avvicinarono ancora di più. Le coppie che stavano già male si sono separate più rapidamente o sono nel mezzo di una crisi relazionale. Anche i miei colleghi olandesi stanno assistendo a un enorme aumento delle iscrizioni alla terapia di coppia.

Cerchi un aiuto psicologico? Quindi sii paziente per quattro mesi

Né le amicizie sfuggono alla scala su cui vengono pesati costi e benefici. Le amicizie che erano già buone sono diventate ancora più forti. “Ma ci sono anche amici e conoscenti che non vedi o manchi da due anni. Verifichiamo se valgono l’investimento”, spiega Viaene, “se otteniamo abbastanza energia e piacere in cambio di ciò che investiamo noi stessi in loro. Le persone sono diventate più selettive al riguardo.

Ed era primavera

Eppure c’è speranza. “Una volta che riprendiamo fiato, possiamo vedere di cosa abbiamo bisogno. Per alcuni è un museo, un film, una festa. Il mio consiglio è di costruire lentamente. E sii felice che i bambini possano tornare dai nonni o dormire a casa loro. (Ride)

READ  I ricercatori mappano la "rete di dipendenza" del cervello nei fumatori per tutta la vita | Scienza

“La luce fa qualcosa al nostro cervello. La maggior parte delle persone ne trae energia”, afferma Rika Ponnet. Fred Debrock

È anche chiaro a Ponnet che gireremo questa pagina molto presto. “Le persone sono resilienti: basta guardare cosa devono sopportare le persone in altre parti del mondo. Lo vedo anche nei miei figli. Hanno acquisito una forma di forza: sono diventati più responsabili ed è più facile mettere le cose in prospettiva. Corsi online inaspettati, quarantene o noia: se la cavano meglio di prima.

Inoltre, la primavera è in campagna. Le giornate stanno diventando più lunghe e luminose, il che è positivo. “La luce fa qualcosa al nostro cervello. La maggior parte delle persone ne trae energia”, afferma Ponnet. “Il nostro spirito è decisamente legato a questo”.

Lo conferma il virologo Marc Van Ranst. Guarda la prima serratura. Quello che avrebbe dovuto essere il periodo più buio è stato vissuto in modo completamente diverso. C’era un’atmosfera positiva e aveva molto a che fare con il tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *