Molto partecipata la riunione del consiglio distrettuale di DuPont e Chemours: PFAS, ricerca sulla salute e l’orto

Molto partecipata la riunione del consiglio distrettuale di DuPont e Chemours: PFAS, ricerca sulla salute e l’orto

Molto partecipata la riunione del consiglio distrettuale di DuPont e Chemours: PFAS, ricerca sulla salute e l’orto

DRECHTSTEDEN – Martedì 22 marzo il Chemours e il DuPont Neighborhood Council di Dordrecht hanno organizzato una serata informativa per i residenti locali e altre parti interessate sui PFAS (sostanze poli e perfluoroalchiliche), sulla salute e sugli orti per la ricerca sui giardini. Più di quaranta persone di Dordrecht e dei comuni limitrofi hanno approfittato dell’invito e si sono recate al Woonzorgcentrum De Merwelanden, che aveva messo a disposizione lo spazio per questo incontro.

L’obiettivo principale era informare le persone colpite sui potenziali rischi per la salute dei PFAS e sulla ricerca sugli orti nella regione che il comune di Dordrecht sta attualmente portando avanti con una serie di partner. I relatori erano Henk Klapwijk, dottore in società e specialista in salute e ambiente medico presso il GGD Zuid-Holland Zuid e Karin van den Akker, direttrice DuPont e Chemours presso il comune di Dordrecht, che in questo studio rappresenta anche i comuni vicini.

PFAS e salute

“PFAS è prevalente nell’ambiente di vita”, afferma Klapwijk. “Queste sostanze possono essere trovate in tappeti, cosmetici, abbigliamento (da esterno), imballaggi per alimenti, rivestimenti antiaderenti e schiuma antincendio e ora si trovano anche nel nostro cibo e nell’acqua potabile”. Le aziende di lavorazione PFAS si trovano a Dordrecht, Anversa e fino a poco tempo fa a Helmond. Molte ricerche sono in corso sugli effetti sulla salute dei PFAS. Se il valore limite basato sulla salute fissato dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare e dal RIVM viene superato, ovvero se qualcuno ingerisce troppo PFAS, possono verificarsi effetti negativi sulla salute. Klapwijk commenta che i valori limite hanno margini di sicurezza. Una maggiore esposizione significa che il rischio di effetti sulla salute non può essere escluso, ma non deve necessariamente portare direttamente alla malattia. La relazione causale con il cancro e altre malattie non è stata stabilita. Sono necessarie ancora molte ricerche. “Il consiglio di GGD è: limitare l’esposizione ai PFAS e fare attenzione alle sostanze chimiche nei prodotti di consumo”. Sono in corso i lavori per vietare in Europa l’uso dei PFAS.

READ  John B. Goodenough è morto: usi quotidianamente la sua invenzione

ricerca sull’orto

Van Den Akker spiega che un nuovo studio sugli orti è attualmente in corso a Dordrecht, Papendrecht, Sliedrecht e Molenlanden per esaminare i livelli di PFAS nelle colture da orto. Nel 2021 il RIVM ha concluso sulla base di una rivalutazione di uno studio del 2017 che è meglio non mangiare dal proprio orto entro 1 chilometro dallo stabilimento Chemours e che ci sono ancora troppo pochi dati sugli orti che distano più di 1 chilometro da la fabbrica. È stata ora avviata una nuova ricerca in 19 giardini della regione e 2 giardini di riferimento nell’Hoeksche Waard. “Le macchine più avanzate vengono utilizzate per misurare i PFAS. Le domande a cui vogliamo rispondere sono: si possono consumare in sicurezza i raccolti degli orti? Esiste una relazione tra la direzione del vento e la concentrazione di PFAS nelle colture? È possibile fornire consigli specifici per coltura e la concentrazione di PFAS nelle colture può essere correlata al contenuto di PFAS nel suolo e nell’acqua di irrigazione? Il sondaggio dovrebbe essere completato nel giugno 2022. Successivamente, sono pianificate le informazioni ai residenti”, spiega Van den Akker.

Molte domande chiarificatrici sono venute dal pubblico. È stato evidente che le persone coinvolte hanno apprezzato il fatto che il Consiglio distrettuale, in quanto organo consultivo indipendente per le imprese, abbia organizzato questo incontro. In seguito, c’era ancora tempo e spazio per chiacchierare con i relatori, i membri del Ward Council e un certo numero di rappresentanti di Chemours.

Sull’immagine:

Più di quaranta persone di Dordrecht e dei comuni limitrofi hanno approfittato dell’invito del Consiglio distrettuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *