“Nel villaggio in Italia, mia madre era vista con sospetto”

“Nel villaggio in Italia, mia madre era vista con sospetto”

“I miei genitori si sono conosciuti nel 1943 quando erano lavoratori forzati in una fabbrica tessile tedesca. Mio padre era italiano, veniva da un paesino di montagna vicino al Lago Maggiore. Mia madre veniva da Delft.

“Dopo aver vagato per la Germania e l’Austria liberate, incontrarono i miei nonni italiani alla fine di maggio 1945. Allora ero già in viaggio.

“La vita con i miei nonni era dura. Mio padre aveva otto sorelle e quattro fratelli. Alcuni erano partiti di casa, ma soprattutto donne e bambini erano tornati per evitare la situazione di guerra nelle città.

“Penso spesso a quello che ha passato mia madre. Come si sarà sentita? Aveva diciannove anni, lingua straniera, tutti stranieri, usanze diverse. Era vista con sospetto. L’atmosfera era fortemente antitedesca e gli olandesi erano allora considerati tedeschi.

“Sono nato il 25 dicembre 1945. La storia racconta che un fratello di mio padre ha arato la neve all’ultimo momento per avvertire la levatrice di un altro villaggio.

“La situazione del dopoguerra è gradualmente migliorata. Mio padre trovò lavoro in una fabbrica tessile. Nel 1950 i miei genitori comprarono una casa, con un terreno fuori dal paese.

“I genitori di mia madre volevano che andassimo in Olanda. Fecero in modo che mio padre trovasse lavoro alla Technische Hogeschool, che ora si chiama TU Delft. Nel 1959 ci siamo trasferiti a Delft.

“Era il sogno dei miei genitori costruire una casa sulla terra che avevano comprato in Italia. Dopo il pensionamento anticipato di mio padre dalla TNO, dove all’epoca lavorava, si sono trasferiti definitivamente in Italia nel 1982.”

READ  dati per lunedì 3 maggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *