questa città cinese rischia di andare in bancarotta

questa città cinese rischia di andare in bancarotta

Notizie ONS

  • Sjoerd den Daas

    Corrispondente dalla Cina

  • Sjoerd den Daas

    Corrispondente dalla Cina

Dopo anni di rigide misure contro il coronavirus e rallentamento della crescita economica, la Cina punta a una ripresa economica. All’apertura del Congresso del popolo questo fine settimana, il premier uscente Li Keqiang ha presentato un obiettivo di crescita di “circa il 5%”.

A Hegang, nel nord-est del Paese, è evidente che l’economia cinese è in difficoltà. La città rappresenta molte altre città bisognose di denaro dopo la pandemia di covid.

È molto tranquillo in una delle più antiche miniere di carbone di Hegang. A volte il silenzio è rotto da una locomotiva con una lunga fila di carri che vengono a raccogliere il carbone. Di qua e di là passa un camion. “Quanto guadagno?” chiede l’autista. “Non dico questo. Ma è un buon stipendio.” Si accende una sigaretta e guida. Ha ancora del lavoro da fare.

Il signor Fan, che sgranchisce le gambe nella palestra deserta all’aperto, non ce l’ha. Ha anche lavorato nell’industria del carbone. “Ho smesso”, ha detto. L’industria mineraria statale, responsabile per decenni della maggior parte delle entrate di Hegang, è in difficoltà. Le miniere si stanno svuotando, il vecchio modello di crescita non funziona più.

Hegang miniera di carbone abbandonata

Chi possedeva una casa di 120 mq riceveva in cambio due appartamenti. La donna non può permettersi le spese fisse che deve pagare, il teleriscaldamento. Qui può ancora accendere gratuitamente la stufa con legna da ardere.

  • ILLUMINATO

    Una casa abbandonata a Hegang
  • ILLUMINATO

Molti locali hanno approfittato del progetto, afferma l’agente immobiliare Xiao Mo. “Le persone con case di dimensioni maggiori a volte avevano diritto a tre appartamenti”.

Gran parte è abitata, lo sa anche lui. “Ma alcuni sono affittati, altri sono usati come ostelli”, dice Xiao Mo. Quando cala la notte, solo poche finestre illuminano i nuovi complessi di appartamenti del centro. “Gli appartamenti con due camere da letto come questo sono attraenti per gli abitanti delle città, che possono acquistare proprietà qui a un prezzo inferiore”, afferma il broker.

Appartamento a 2700 euro

Nel complesso che mostra, gli appartamenti più economici con un prezzo di 13.500 euro sono ancora costosi. È già stato scherzato sui media cinesi che gli appartamenti a Hegang vengono venduti al prezzo di un cavolo cinese. “Non dovresti credere a tutto quello che leggi sul giornale”, ride. Tuttavia, gli appartamenti più economici sono offerti online per circa 2700 euro.

  • ILLUMINATO

    Nuovi appartamenti a Hegang
  • ILLUMINATO

    Agente immobiliare Xiao Mo in uno degli appartamenti
  • ILLUMINATO

    Nuovi appartamenti a Hegang

La sovraccapacità si è rivelata la pugnalata alla città, che ha lottato per anni per mettere in ordine il suo libro delle pulizie. Nel 2020, l’ultimo anno per il quale sono disponibili dati, Hegang ha raccolto solo 2,3 miliardi di renminbi (quasi 312 milioni di euro). Con 13,7 miliardi, la spesa è stata non meno di sei volte superiore. Le entrate fiscali sono in calo. Le lucrative vendite di terreni, un modo comune per colmare le lacune di bilancio, sono andate perdute a causa di problemi nel mercato immobiliare.

READ  I supermercati smettono di rubare frutta e verdura: "Meno sugli scaffali" | clima

Ad aggravare il dolore: il disegno di legge presentato ai governi locali per attuare le politiche zero covid della Cina, come i test PCR e ulteriori crediti d’imposta per compensare le chiusure delle imprese. L’anno scorso, la popolazione cinese è diminuita per la prima volta in sessant’anni, un retaggio della politica del figlio unico. La popolazione è diminuita di più nelle province nord-orientali, di 10 milioni.

E così Hegang non poteva più pagare i suoi conti. In alcune zone di Hegang, il riscaldamento è stato temporaneamente spento all’inizio di quest’anno. Anche la città ha dovuto ristrutturarsi: Pechino non ha nessuna voglia di continuare ad aiutare. Era la prima volta, ma Hegang non è unico. Diversi governi si stanno sgretolando sotto il pesante fardello del debito. Nella città Shanqiu l’azienda dei trasporti urbani ha fermato gli autobus, in altri luoghi non sono stati pagati gli stipendi dei dipendenti pubblici.

la vita costa meno

I consumatori devono prendere l’iniziativa, è stato il messaggio del primo ministro uscente Li Keqiang al suo ultimo Congresso del popolo. Per tre anni, i cinesi hanno avuto a malapena la possibilità di farlo a causa delle misure draconiane della corona. “Negli ultimi mesi è migliorato”, dice Xing Lan, che ha deciso di aprire un caffè. “La città mi è cara. Stiamo lavorando sodo per rendere questa città migliore”.

“Sono tornato l’anno scorso”, dice Wang Dan. Dopo gli studi, ha lasciato Hegang e ha lavorato per anni nel più prospero Jiangsu, non lontano da Shanghai. “Le rose fioriranno sempre”, si legge sul muro della panetteria, che ha aperto alla fine dell’anno scorso. “Le persone qui sono cordiali, una sensazione che non ho avuto nella grande città”, dice. “Inoltre, il ritmo qui è molto più lento che lì.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *