Nella fabbrica di tamponi dove il contagio continua

TORINO. Tra i corridoi del laboratorio di microbiologia e virologia di Amedeo di Savoia, c’è preoccupazione: i tamponi da analizzare sono sempre più numerosi ei medici sperano che presto la curva inizi lentamente ad abbassarsi perché in questo modo trovano difficile tenere il passo con il ritmo del lavoro.

Tre virologi camminano da una parte all’altra della stanza a passo svelto, c’è molto da fare e niente dovrebbe essere perso. Un altro dottore li supera, tiene in mano una scatola, dentro ci sono i risultati di migliaia di persone che sono state sottoposte a test in quelle ore. Il regista, intanto, dà le ultime indicazioni della mattinata e si sposta di stanza in stanza per vedere se tutto va bene.

Dall’inizio della pandemia ad Amedeo di Savoia sono stati processati 164.500 tamponi: “Questo è il numero che abbiamo registrato da marzo ad oggi – spiega Valeria Ghisetti, direttrice del laboratorio di microbiologia e virologia del ‘Amedeo di Savoia -. Siamo tutti molto preoccupati che la stagione influenzale si avvicini e probabilmente ci sarà ancora più confusione. Abbiamo elaborato 1.750 tamponi solo ieri, ben al di sopra dei nostri standard. Considerando anche che siamo sommersi da richieste di casi urgenti ”. I casi urgenti includono tutti i pazienti che necessitano di ricovero, quindi è utile che i medici sappiano in modo tempestivo se sono persone con Covid o meno, e poi decidano dove collocarli. “Alcune delle nostre macchine – conclude il direttore – lavorano a metà gamma perché le aziende non sono in grado di soddisfare tutte le richieste. Ci rallenta ”.

A pochi chilometri, presso l’ospedale Molinette, si trova il laboratorio diretto dalla professoressa Rossana Cavallo. Problemi simili, una gara che non si ferma mai e un lavoro che dura mesi, sette giorni su sette, ventiquattro ore su ventiquattro: “I nostri telefoni squillano in continuazione – ammette Rossana Cavallo, direttore del laboratorio di microbiologia e virologia dell’Ospedale Molinette – qui abbiamo sempre un direttore o un tecnico di turno: nei turni di lavoro non ci siamo mai fermati. In questi giorni lavoriamo molto, siamo circa 1000 campioni al giorno e dall’inizio della pandemia ne abbiamo lavorati circa 90.000. Non abbiamo la sfera di cristallo per ipotetiche previsioni, dobbiamo solo sperare se, grazie alle misure di contenimento prese dal governo, il i casi stanno diminuendo ”.

READ  La NASA prepara una serie di test per il gemello terrestre del Mars rover Perseverance: gli astronauti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *