Nell’atmosfera di Venere, niente fosfina ma anidride solforosa: la possibilità della vita svanisce

Nel settembre dello scorso anno è stato rilasciato uno studio “sensazionale”! Nell’atmosfera di Venere ci sarebbe stata una tale quantità di fosfina (considerato come un file biofirma) per farci pensare a forme di vita attive sul pianeta. È chiaro che l’attenzione di ricercatori e appassionati era molto alta dato che si trattava di trovare altre forme di vita nel sistema solare. Ora, un nuovo studio demistificherebbe questa scoperta non parlando più di fosfina ma piuttosto di diossido di zolfo.

Dalla fosfina all’anidride solforosa nell’atmosfera di Venere

Lo studio è stato condotto daWashington University e sarà presto reso pubblico su Astrophysical Journal mentre è ora disponibile in prestampa. Non si tratta di nuove osservazioni, ma piuttosto di una nuova analisi dei dati su cui si basavano inizialmente i ricercatori britannici.

Secondo il coautore del nuovo studio, Victoria prati, “Invece della fosfina nelle nuvole di Venere, i dati sono coerenti con un’ipotesi alternativa: hanno rilevato anidride solforosa. L’anidride solforosa è il terzo composto chimico più comune nell’atmosfera di Venere e non è considerato un segno di vita”..

Ciò che viene sottolineato, dopo una revisione dei dati, è che l’area interessata sarebbe più alta di quella in cui il fosfina (PH3) inoltrediossido di zolfo (PERTANTO2) è più plausibile come molecola rispetto all’atmosfera di Venere. In questi strati dell’atmosfera, anche la fosfina verrebbe distrutta dopo pochi secondi.

venire

Nuovi metodi analitici e nuovi risultati

Nel nuovo studio si è deciso di creare un modello dell’atmosfera interna di Venere. Più in dettaglio, i segnali di entrambi fosfina quella didiossido di zolfo a velocità diverse come riferito da JCMT e ALMA. Secondo questa scoperta, è stato scoperto che il segnale ha avuto origine circa 100 km più in alto nella mesosfera. E in quella gamma, i raggi UV distruggerebbero la fosfina in pochissimo tempo.

READ  New Horizons osserva da lontano il mezzo interstellare: gli astronauti

Con un tempo così rapido di distruzione delle molecole, il livello di produzione di fosfina il suo Venere dovrebbe essere circa 100 volte superiore a quella con cui l’ossigeno viene prodotto sulla Terra dalla fotosintesi. Un ritmo decisamente alto e sostanzialmente insostenibile. Inoltre, ALMA ha notevolmente sottovalutato la quantità di anidride solforosa nell’atmosfera a causa della configurazione dell’antenna con un fenomeno chiamato “diluizione della riga spettrale”.

Ricercatore Alex Akins (da JPL) aggiunto “ha dedotto un rilevamento debole di SO2 a causa di questo segnale artificialmente debole da ALMA. Ma il nostro modello suggerisce che i dati ALMA sarebbero sempre stati coerenti con quantità tipiche o addirittura significative di anidride solforosa venusiana, il che potrebbe spiegare il segnale JCMT osservato. “. Di nuovo si aspetteranno altre prove, ma sembra che la vita continui Venere è meno probabile del previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *