“Nessun rischio, Osimhen deve restare a riposo”

In diretta al ‘Punto Nuovo Sport Show’, in onda Radio Punto Nuovo, intervenne Bruno Ronga, UOC Direttore dell’Unità di Neurologia-Stroke Azienda Ospedali dei Colli POCTO: “Non conosco il risultato delle indagini fatte a Osimhen, sembra che stia bene, che sia sveglio e che possa già tornare al Napoli. Quello che ho visto è che si è ribaltato e ha colpito la testa con una ferita alla testa che lo ha lasciato privo di sensi. Ha avuto la forza di riprendersi, ma il trauma non era completamente guarito, quindi in ambulanza è svenuto di nuovo. Oshimen non ricorda nulla dell’amnesia retrograda: aveva una sospensione letterale della coscienza. Va bene, penso che si riprenderà e andrà bene, farei un elettroencefalogramma e una risonanza magnetica: con la negatività di entrambi, può tornare in campo a segnare. C’è sempre un problema: farei anche un esame cardiologico, anche se i giocatori lo fanno sempre, anche il giocatore della Fiorentina Astori ha avuto un problema improvviso. A Napoli ci sono tanti specialisti che sapranno trattarla meglio. Con la nuova attrezzatura le prove si possono fare in poco tempo, ma io gli consiglierei di riposare e di non giocare. È giovanissimo, più resta ancora peggio è, allenarsi con cautela può farlo. Di certo non lo stresserei. La crisi vagale di Dziczek? È una sensazione di svenimento che finisce sul sistema autonomo, va ben studiata e approfondita ”.

if (ok == 1) bannerok[zona].push(banner[zona][i]); }

bannerok[zona].sort(function() {return 0.5 - Math.random()}); } banner = bannerok; var banner_url="https://net-storage.tccstatic.com"; var banner_path="/storage/tuttonapoli.net/banner/" function asyncLoad() { if (azione == 'read' && TCCCookieConsent) { var scripts = [ "https://connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1", ]; (function(array) { for (var i = 0, len = array.length; i < len; i++) { var elem = document.createElement('script'); elem.type="text/javascript"; elem.async = true; elem.src = array[i]; var s = document.getElementsByTagName('script')[0]; s.parentNode.insertBefore(elem, s); } })(scripts); } setTCCCookieConsent(); } if (window.addEventListener) window.addEventListener("load", asyncLoad, false); else if (window.attachEvent) window.attachEvent("onload", asyncLoad); else window.onload = asyncLoad; function resizeStickyContainers() { var stickyFill = document.getElementsByClassName('sticky-fill'); for (i = 0; i < stickyFill.length; ++i) stickyFill[i].style.height = null; for (i = 0; i < stickyFill.length; ++i) { var height = stickyFill[i].parentElement.offsetHeight-stickyFill[i].offsetTop; height = Math.max(height, stickyFill[i].offsetHeight); stickyFill[i].style.height = height+'px'; } } document.addEventListener('DOMContentLoaded', resizeStickyContainers, false); // layout_headjs function utf8_decode(e){for(var n="",r=0;r

READ  Tracce dell'universo primordiale in fossili di stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *