Niente affatto su Marte. Il futuro della colonizzazione spaziale risiede in un mega satellite in orbita attorno a Cerere

Pubblicazione dell’astrofisica Pekka Janhunen dell’Istituto meteorologico finlandese di Helsinki un documento prestampato (PDF) in cui ci invita indirettamente a dimenticare Marte come futura colonia spaziale umana. Invece, si offre di concentrarsi sulla costruzione di un mega-satellite in orbita attorno a Cerere.. Un mondo discoteca composto da centinaia di cilindri, ognuno in grado di ospitare più di 50.000 persone.

Cerere, un pianeta nano in crisi di identità

Cerere è un pianeta nano situato nella fascia degli asteroidi del nostro sistema solare. Scoperta dall’astronomo Giuseppe Piazzi nel 1801, fu scambiata prima per una stella, poi per una cometa, poi divenne un pianeta, dopo un asteroide, fino a quando non è diventato ufficialmente un pianeta nano nell’agosto 2006, quando anche il povero Plutone fu declassato.

applicazione

Non è la prima volta che Cerere è considerato un corpo celeste vicino al quale l’uomo può pensare a una colonia permanente. La sua distanza media dalla Terra è paragonabile a quella di Marte, ma mentre l’atmosfera del pianeta rosso è ricca di anidride carbonica, La superficie di Cerere può essere ricca di azoto, fondamentale per creare l’atmosfera della colonia in orbita, secondo Janhunen.

Cerere è piccolo. Ha un diametro di circa 1000 km e, invece di vederlo come un luogo dove fondare una colonia, Janhunen lo considerava fornitore di materie prime per mega-satelliti mediante ascensori spaziali collegato direttamente con il pianeta nano.

Il megasatellite di Cerere come colonia spaziale

Il mega-satellite sarebbe composto da centinaia di cilindri collegati tra loro da potenti magneti e disposti a forma di disco. Ogni cilindro può contenere fino a 57.000 persone perché misura circa 10 km e ha un raggio di 1 km. La gravità di ogni cilindro sarebbe fornita dalla sua rotazione completa ogni 66 secondi.

READ  Covid, una variante supermutata scoperta in Tanzania: ecco perché fa paura

Il mondo della discoteca sarà caratterizzato da due enormi specchi ad un angolo di 45 ° rispetto al piano per riflettere abbastanza luce naturale in ogni habitat. Una parte di ogni cilindro sarà dedicata alla coltivazione di piante e alberi, coltivati ​​in un terreno di 1,5 metri di spessore ricavato dalle materie prime di Cerere. La luce solare naturale dovrebbe aiutarli a crescere più alti. Il ciclo giorno-notte delle persone sarebbe governato dalla luce artificiale.

Questa soluzione colonizzatrice sotto forma di cilindri è stata proposta per la prima volta negli anni ’70, ed è conosciuto come Cilindro O’Neill, perché è stato pensato dal fisico Gerard K. O’Neill e pubblicato anche nel libro del 1974 “La colonizzazione dello spazio”.

Apri originale

Qual è il problema con Marte?

Ma perché Marte non è un buon posto in superficie per l’astrofisico finlandese per stabilire le prime colonie terrestri? Janhunen ha detto a Scienza dal vivo è così “la preoccupazione è che i bambini di una colonia su Marte non si svilupperebbero in adulti sani (in termini di muscoli e ossa) a causa della gravità marziana troppo bassa.

Ha poi detto: “Pertanto, ho cercato un’alternativa che fornisse la gravità [simile a quella terrestre] ma anche un mondo interconnesso. “

Ha poi continuato a parlare di dati demografici: “La superficie di Marte è più piccola di quella della Terra e quindi non può fornire spazio per una significativa espansione demografica ed economica. Una colonia su Cerere, d’altra parte, “può crescere da uno a milioni di habitat.. “

Tuttavia, Janhunen non ha chiarito come si otterrebbe l’ossigeno per le bombole.. Pianta? Inoltre non ha specificato come estrarre le materie prime dalla superficie di Cerere, con quali tecnologie e se saranno necessari insediamenti umani sul pianeta nano per l’attività mineraria.

Janhunen ha detto a WordsSideKick.com che i primi coloni umani potrebbero iniziare a visitare Cerere entro i prossimi 15 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *