No alla luce della prigione: il governo greco manda in salvo i terroristi di Koufondinas (in terapia intensiva). Rivolta degli anarchici

La storia del terrorista greco si è trasformata in una guerriglia urbana (e politica) Dimitri Koufondinas, in sciopero della fame (e terapia intensiva) per protestare contro la decisione del governo di ricondurlo a prigione dura del penitenziario agricolo di Volos. L’uomo, condannato a 11 ergastoli, è stato Capo di brigata 17 novembre, e da tre settimane è in sciopero della fame e della sete. Una condizione che lo ha portato più vicino alla morte, come il anarchici che si riconoscono nelle sue battaglie contro USA, NATO e UE hanno dato fuoco alle strade di Atene. Un agente di 27 anni è stato gravemente ferito con una mazza durante una manifestazione a Nea smirni.

Koufondinas è attualmente ricoverato in ospedale aOspedale Lamia, nella Grecia centrale. Due anni fa sotto il governo del marchio Tsipras era stato trasferito in una prigione più leggera, provocando le proteste delle famiglie delle vittime. Il suo avvocato chiede che lo Stato di diritto sia rispettato e avverte che se ciò non accade, ci sarà “Condizioni che minacciano la pace e la coesione sociale”, come dimostrano le rivolte quotidiane degli anarchici nella regione ateniese di Zografou, con una vera guerriglia urbana condotta molotov incappucciato contro gli agenti di polizia della capitale ellenica.

Koufondinas è stato accusato 200 reati in vari processi e condannato a 11 ergastoli per la sua partecipazione a un totale di undici omicidi, oltre a vari attacchi e furti. La prima vittima fu il 23 dicembre 1975, il capo della stazione della CIA ad Atene, Richard Welch, ucciso sulla porta di casa sua davanti alla moglie e al suo autista, di passaggio a vari attacchi missilistici contro un sedile di Petrolio Britannico e contro gli uffici ateniesi del Siemens.

READ  "Grande Fratello Vip 5": Giulia eliminata, Zenga, Samantha e Stefania in televisione

La domanda accende il dibattito politico e sociale. L’ex primo ministro Alexis Tsipras ha chiesto al governo di cambiare posizione, in modo che “il filo della vita a Koufontinas non venga tagliato, la vita umana in uno stato di diritto è il bene supremo”. Il governo conservatore ha risposto che in uno stato governato dallo stato di diritto “la legge si applica a tutti, anche a coloro che non mostrano rimorso e insultano la memoria delle loro vittime camminando apparentemente nei luoghi in cui sono stati uccisi ”.

Tra le vittime del 17 novembre c’è anche l’editore Nikos Momferatos e il vice Pavlos Bakoyannis nel 1989 cognato dell’attuale Presidente del Consiglio Kyriakos Mitsotakis, e padre dell’attuale sindaco di Atene, Kostas Bakoyannis. Un omicidio che all’epoca oltraggiava tutto il Paese, con la condanna unanime anche dei comunisti greci che rispettavano molto Bakoyannis per il suo contributo politico contro la giunta.

Syriza ora accusa il governo di vendetta per il coinvolgimento personale della famiglia Mitsotakis, ma le famiglie delle vittime sostengono che il confinamento di un terrorista come Koufondinas in un carcere agricolo sia una vergogna per le morti causate dal 17 novembre. Nel piazza Syntagma, ad Atene, si susseguono proteste di antagonisti e attivisti dell’opposizione: forte tensione con la polizia che ha usato cannoni ad acqua per disperdere i manifestanti, che ha risposto con molotov e pietre. La scorsa settimana ci sono state segnalazioni di attacchi mirati da parte di anarchici contro agenti di polizia che lavoravano nelle strade per attività legate alla pandemia, come la campagna di vaccinazione o controlli nelle aree di blocco. Secondo la denuncia presentata pubblicamente dal Segretario generale delle forze di sicurezza greche, Stratos Mavroidakos, i poliziotti stanno ora rischiando la vita. “Il clima è rigido, non abbiamo ancora un poliziotto morto – dice – ma alcune persone vorrebbero sporcarsi le mani con il sangue della polizia, pensando di fare una rivoluzione”.

READ  Stati Uniti: l'ipotesi di soppressione di Trump circola alla Casa Bianca - Ultima Ora

Twitter: @FDepalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *