Non è possibile colmare il divario tra persone con formazione pratica e teorica da parte di quante più persone altamente qualificate possibile

Non è possibile colmare il divario tra persone con formazione pratica e teorica da parte di quante più persone altamente qualificate possibile

Sander Schimmelpenick

Secondo il ministro dell’Istruzione Robbert Dijkgraaf, i consigli di studio vincolanti (bsa) portano stress tra gli studenti, che già avrebbero difficoltà. “Troppa pressione ha un effetto paralizzante e offusca l’idea che uno studente sia idoneo o meno a un corso di studi”. Per questo vuole ridurre a 30 il numero di punti che gli studenti devono ottenere al primo anno, solo la metà del totale.

curioso; una pressione troppo bassa mi sembra più paralizzante e i crediti hanno lo scopo di valutare se uno studente è in grado di gestire il livello, giusto? Prima o poi, questi punti devono essere davvero raggiunti; Rinviare lo stress prolungherà inutilmente le carriere di studio infruttuose. Dijkgraaf sottolinea che “i giovani studenti hanno molto da fare nel loro primo anno”, come trasferirsi in una stanza. Ma non è una novità, vero? In effetti, sempre più studenti continuano a vivere con i genitori. Non fraintenderti; Il fatto che almeno la metà degli studenti soffra di gravi disturbi psicologici è scioccante, ma il legame con la BSA, che esiste da due decenni, non è dimostrato.

Quando ho iniziato a studiare a Rotterdam vent’anni fa, era una delle prime università con un BSA. Si è rivelato fare miracoli; dopo la sua introduzione, la laurea divenne improvvisamente normale in cinque anni, mentre otto anni prima non faceva eccezione. E anche con BSA, avevamo almeno nove mesi all’anno per sdraiarci su un divano e filosofeggiare sulla migliore scena di scarface. L’unica differenza con gli studenti di oggi: non avevamo uno smartphone che ci rendesse infelici e distratti.

Abbassare l’asticella è controproducente anche per le pari opportunità. Con la svalutazione di un’università o di un titolo professionale superiore, la “costruzione di un CV” sta solo acquisendo importanza e sono ovviamente i figli di genitori benestanti con una buona rete che riescono meglio in questo. Anche il vantaggio della barra inferiore è distribuito ingiustamente. Come sappiamo, il divario di QI negli uomini è notevolmente maggiore che nelle donne: ci sono più uomini con un QI molto basso e più uomini con un QI molto alto, mentre la distribuzione del QI nelle donne è più vicina alla media. L’abbassamento dell’asticella attrae quindi principalmente le donne all’interno del gruppo dei diplomati dell’istruzione superiore, dove le donne sono già sovrarappresentate al 54%.

READ  C'è la primavera, c'è l'asteroide che spazza via i dinosauri dalla Terra

Nei Paesi Bassi, e più in particolare in D66, c’è una credenza dogmatica nell’istruzione, secondo la quale investire nei giovani equivale a investire nell’istruzione. Il ministro Dijkgraaf parla di una “varietà” di corsi, con direzioni diverse che possono essere seguite ognuna al proprio ritmo. L’idea sembra essere che i giovani continuino a studiare il più a lungo possibile.

Ma molti giovani non vogliono affatto una formazione senza fine e la società ha bisogno di lavoratori. Dovrebbero essere fatti investimenti molto più intelligenti nei giovani, poiché gli investimenti pubblici si trovano ora principalmente nelle persone più istruite che studiano più a lungo ea costi più alti. È estremamente ingiusto. Capitale iniziale per ogni giovane, esatto; chi vuole studiare a lungo può farlo lì, chi vuole iniziare il prima possibile può acquistare lì il suo primo autobus fai da te.

Non è possibile colmare il divario sociale e culturale tra il maggior numero possibile di persone formate praticamente e teoricamente da persone altamente istruite. Se scopri che più della metà della tua classe sta ricevendo consulenza pre-universitaria, ti sentirai più infelice di non ricevere consulenza pre-universitaria che se solo tre persone circa ricevessero consulenza pre-universitaria. Inoltre: quando l’istruzione superiore diventa la norma, non è più un’istruzione “superiore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *