Virologo tedesco: “Il nuovo Covid-19 arriva dal nord Italia”

“Il virus che in questo momento si sta diffondendo nel mondo non è il virus Wuhan. È il virus del nord Italia”, è il comunicato del famoso virologo tedesco. Alexander Kekule, direttore dell’Istituto di microbiologia medica presso l’Universitätsklinikum Halle sulla televisione tedesca Zdf.

Il nuovo dilagante Covid-19 non è originario della famigerata città di Wuhan in Cina, il 99,5% di tutti i casi può essere attribuito a una mutazione originaria delle regioni del nord Italia. Il ceppo italiano è chiamato mutante ‘G’, che presenta mutazioni genetiche, ed è più contagioso della variante trovata a Wuhan, epicentro dell’epidemia di Covid-19 in Cina.

Chiesto dal giornalista di Zdf – “Allora i cinesi hanno ragione quando dicono che noi europei siamo responsabili della pandemia globale?” – “No”, ha risposto Kekulé, “il virus si sarebbe diffuso così in tutto il mondo”. Il virologo ti invita a rimanere vigile. “La differenza è che a Wuhan non sapevano cosa fosse, mentre nel nord Italia c’erano già stati avvertimenti da Pechino, ma questi sono stati ignorati per molto tempo. In Cina, il virus originale è stato bloccato abbastanza rapidamente. , cosa che sarebbe potuta accadere anche a noi, è stato sufficiente utilizzare i loro metodi che non sono stati presi in considerazione “.

L’esperto ha detto che la colpa dell’espansione del Covid-19 è determinata dalla superficialità dell’Italia nel trattare la questione relativa agli avvertimenti ricevuti dalla Cina e dalla mancanza di contromisure, se non dal virus della l’origine avrebbe potuto essere tenuta sotto controllo.

Kekulé vorrebbe sottolineare durante l’intervista. “Un’epidemia non rilevata del virus originale è scoppiata per diverse settimane all’inizio del 2020. Fino a quando non è stato scoperto a febbraio, il virus ha avuto abbastanza tempo per cambiare geneticamente. Ora è più contagioso della variante. originale da Wuhan. ” .

READ  Test psicologico, qual è la tua personalità nascosta?

Il virologo avverte la popolazione mondiale per il Natale. “Se trasmettiamo le infezioni alle generazioni più anziane a Natale attraverso riunioni di famiglia, può essere un disastro”. Il direttore dell’Istituto di microbiologia medica dell’Universitätsklinikum Halle, è favorevole ai test rapidi che dovrebbero essere messi a disposizione di tutti, e ritiene “assurdo” indossare maschere di protezione personale nel all’aperto, mentre è convinto che la misura più sensata sarebbe un maggiore controllo in spazi ristretti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *