non i paesi stessi, ma i satelliti misureranno presto le emissioni di CO2

non i paesi stessi, ma i satelliti misureranno presto le emissioni di CO2

ora delle notizie

La riduzione delle emissioni di gas serra è sempre un tema centrale in tutte le conferenze sul clima, compreso il vertice sul clima in Egitto. Abbastanza sorprendentemente, le emissioni sono state finora stimate dagli stessi paesi. Gli esperti vedono l’uso dei dati satellitari come una svolta, con conseguenze potenzialmente di vasta portata.

“Puoi immaginare che a volte finisci a tuo favore quando ottieni il punteggio del tuo stesso test”, afferma Detlef van Vuuren, ricercatore sul clima all’Università di Utrecht. È coinvolto nel Global Carbon Project, a progetto climatologi che calcolano autonomamente le emissioni globali di gas serra.

Tutti i paesi ora segnalano le proprie emissioni alle Nazioni Unite (ONU) tramite i cosiddetti self-report. Il pericolo è che i paesi adottino pratiche contabili creative. E sta accadendo adesso.

Il Washington Post ha confrontato i rapporti nazionali con misurazioni e stime di esperti. Le differenze sono state rivelate enorme. Esiste una discrepanza di almeno qualche miliardo di tonnellate tra le relazioni nazionali e le stime indipendenti. Ciò equivale all’incirca alle emissioni di due miliardi di automobili.

Secondo Van Vuuren, è importante poter misurare direttamente da dove provengono le emissioni. “Non solo per un’efficace politica climatica, ma anche per poter verificare se i paesi stanno effettivamente facendo ciò che hanno promesso”.

Il vantaggio dei satelliti è che puoi controllare quali paesi stanno segnalando e cosa è reale.

Pepijn Veefkind, responsabile scientifico presso KNMI

La misurazione dei gas di scarico è complessa, sottolinea Pepijn Veefkind, direttore scientifico di KNMI. È impegnato in progetti satellitari.

“Se la misurazione fosse semplice, ovviamente sarebbe stata fatta molto tempo fa. Tecnicamente parlando, è difficile tracciare con precisione la CO2. Dopotutto, rimane nell’atmosfera per molto tempo, lascia tracce per molto tempo Ciò significa che non è possibile risalire alla fonte nel presente, è molto difficile risalire a ritroso, è come cercare di vedere una candela mentre si guarda una grande lampada in controluce.

READ  Curva di flessione, ma ancora 34 morti. Più di 105mila prenotazioni di vaccini di oltre 80

I satelliti stanno già cercando queste fonti di gas serra dallo spazio. Al momento sono visibili solo gli emettitori più grandi, ma è sempre più possibile anche ingrandire.

Tra quattro anni un nuovo satellite europeo mapperà le emissioni di CO2, il gas serra più importante al mondo.

“Non forzare nessuno”

Un grande passo avanti, afferma Veefkind. “Il vantaggio dei satelliti è che puoi controllare quali paesi stanno segnalando e cosa è reale. Ci sono stati esempi in passato in cui l’osservazione satellitare ha svolto un ruolo positivo, ad esempio per quanto riguarda la qualità dell’aria in Cina. A volte le aziende vogliono usa i satelliti per confermare che hanno ridotto le loro emissioni, quindi funziona in entrambe le direzioni”.

Le Nazioni Unite vogliono utilizzare i dati per affrontare i principali emettitori, afferma Manfredi Caltagirone del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente.

“Le Nazioni Unite non possono costringere nessuno a fare nulla. Speriamo che ci possa essere cooperazione. E le persone si rendono conto che i dati diventano pubblici da 45 a 75 giorni dopo il rilevamento. Compresa la loro reazione e se agiscono o meno”.

Tuttavia, è ancora discutibile se la disponibilità di più dati sull’origine dei gas serra porterà effettivamente a minori emissioni, riconosce anche l’ONU.

Caltagirone: “Vogliamo dare i dati alle persone giuste, in modo che possano chiudere il rubinetto degli impianti di petrolio e gas. Vogliamo invece dimostrare che il mondo sta cambiando e sta diventando trasparente”.

Guarda qui la puntata della nostra serie Nieuwsuur #Ophef, sulle idee ricevute sul clima:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *