“C’è ancora molto da fare nell’area dell’assistenza inclusiva”

“C’è ancora molto da fare nell’area dell’assistenza inclusiva”

Camiel Welling – medico di salute sessuale presso GGD Amsterdam e supervisore medico presso Transkliniek – è anche conosciuto come “il dottore delle unghie in gel”. “Alla GGD, ho la libertà di essere me stessa, con tutte le mie stranezze e stranezze. Voglio anche trasmettere questa sicurezza ai miei pazienti. Sii il tuo io incondizionato: appartieni! Sfortunatamente, questa assistenza inclusiva non è ancora evidente dappertutto”.

Sulla Transclinica

Il Transkliniek è una collaborazione tra Trans United Europe, GGD Amsterdam Center for Sexual Health e HVO Querido. La clinica è per le persone trans che non si trovano in cure regolari. Ad esempio, perché sono privi di documenti o senzatetto o esclusi per altri motivi. Possono recarsi lì per prescrizioni ormonali, esami del sangue e malattie sessualmente trasmissibili, aiuto con le vaccinazioni PrEP e contro l’epatite B. Inoltre, viene prestata particolare attenzione al supporto psicosociale.

Questo è il tuo nucleo più profondo

Secondo Camiel, il Transkliniek è un luogo indispensabile nel settore sanitario. “La tua identità di genere è molto primordiale. È il tuo nucleo più profondo, le tue fondamenta, te stesso”, spiega. “Ma comprendere questo argomento non è facile. Molte persone trans si sentono incomprese o non vengono prese sul serio, sentono che un medico non lo è lì per loro e così smetti di cercare aiuto La fiducia nell’assistenza regolare è minima Ed è per questo che la collaborazione con Trans United Europe è così importante, sosteniamo le persone insieme a ritrovare la fiducia nell’assistenza sanitaria.

Con il gruppo target al tavolo

Ascoltare e lavorare con il gruppo target è estremamente importante per rendere l’assistenza più inclusiva. “Possiamo migliorare condividendo e scambiando le nostre conoscenze”, afferma Camiel. “Al Transkliniek, tutti i membri del team siedono al tavolo su un piano di parità. Siamo un gruppo eterogeneo in termini di identità ed espressione di genere, nonché background. In questo modo, speriamo di creare riconoscimento e un luogo sicuro.

READ  Tutti liberi dal diabete, questo l'obiettivo del Diabetes Fund

Allo stesso tempo, la clinica vuole dare l’esempio per altre strutture sanitarie. “Ci si aspetterebbe che nell’istruzione come la medicina o nella formazione dei medici di medicina generale, ora si presti attenzione alla diversità di genere”, continua Camiel. “Ma notiamo che c’è ancora un punto cieco per i bisogni di cura delle persone trans. E questa è una grande sfida.

GGD Amsterdam per esempio?

Secondo Camiel, questa sfida è quella che GGD Amsterdam può e intende raccogliere. “Negli anni ’80, abbiamo fatto una grande differenza durante la crisi dell’AIDS”, dice. “La nostra clinica per le malattie sessualmente trasmissibili è stata una delle prime a lavorare per la comunità arcobaleno e spero che ora faremo lo stesso per la comunità trans. Vogliamo sensibilizzare e dimostrare che stiamo lottando per un’assistenza inclusiva. Non abbiamo spazio per l’esclusione e lo stigma.

GGD Amsterdam può servire da esempio per il resto dei Paesi Bassi? Camiel ride: “Siamo coinvolti nella Transkliniek solo da un anno e mezzo. Ma stiamo già notando che la domanda di tale assistenza inclusiva è schiacciante. Con la fiducia di Trans United Europe, possiamo renderlo possibile. Il nostro ruolo è principalmente di supporto e complementarietà. Spero che altri GGD e strutture sanitarie vedranno quanto una collaborazione come questa può fare per la comunità trans. In ogni caso, sono molto orgoglioso di farne parte. »

Continua a combattere

Appassionato com’è, Camiel si rende conto che parlare di diversità non sarà normalizzato nel settore sanitario in due o tre anni. “È una lunga battaglia”, ha detto. “Ma se ci impegniamo a integrare l’assistenza inclusiva in modi efficaci e sicuri, credo che renderemo la società nel suo insieme più sana. Questo appartiene davvero al GGD. Ci impegniamo per la salute pubblica, escludendo chiunque. Di certo non il più vulnerabile. Finché continueremo ad ascoltare la comunità, credo che alla fine possiamo fare molto per la società in generale. Che ci accettiamo a vicenda, che ci rendiamo più forti e più potenti.

READ  Luc Montagnier a Milano senza vaccinazione / "I vaccini favoriscono infezioni, proteine ​​tossiche"

Il mio sesso, il mio orgoglio

Quindi è logico che si debba prestare maggiore attenzione all’identità di genere. Dal 30 luglio al 7 agosto celebriamo il Pride ad Amsterdam. Il tema di quest’anno: Il mio sesso, il mio orgoglio. “Penso che sia un tema eccellente”, conferma Camiel. “L’attenzione al Pride è ancora più sull’orientamento sessuale e non sulla diversità di genere. La comunità queer, trans e intersessuale spesso si sente invisibile o incompresa. È positivo che ora venga prestata un’attenzione speciale a questo. E le persone che si sentono a disagio al riguardo sono sfidati a scoprire da soli da dove provenga esattamente quel disagio.

L’ignoto fa il non amato?

Purtroppo ce ne sono ancora tante: persone per le quali l’identità di genere è un argomento scomodo. “Non è affatto strano,” continua Camiel, “perché non ci sei cresciuto. La materia si incontra raramente nelle scuole primarie o secondarie, né nella formazione continua. E l’ignoto ti rende non amato. Le persone trans sono spesso viste come diverse e spaventose. Mentre questo fa parte della diversità di identità di cui è ricco il nostro mondo. Una volta che assumi una nuova prospettiva aperta sulla diversità di genere, per te si apre un mondo completamente nuovo. E se solo sapessi quanto potresti significare per qualcuno…”

Maggiori informazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *