Non vuoi ignorare questi sintomi della carenza di vitamina K

Non vuoi ignorare questi sintomi della carenza di vitamina K

Molte persone hanno una carenza vitaminica senza rendersene conto. A volte semplicemente non avvertono alcun disturbo, ma è più comune che non venga stabilito alcun collegamento tra i sintomi e la carenza. Nella categoria “prevenire è meglio che curare”, elenchiamo quindi tutti i sintomi delle varie carenze vitaminiche. Ad esempio, abbiamo già scritto di carenza di vitamina A, carenza di vitamina B, carenza di vitamina C e, naturalmente, carenza di vitamina D (più comune nei Paesi Bassi a causa del grigio inverno).

Oggi è il momento della vitamina K. Una carenza di questa vitamina è rara, ma se si verifica, le conseguenze possono essere fatali. Ecco perché abbiamo raggruppato i sintomi tipici.

Ma, Prima di tutto. A cosa serve la vitamina K e perché è così importante assumerne a sufficienza?

Cos’è la vitamina K?

La vitamina K è un nutriente importante che svolge un ruolo vitale nella coagulazione del sangue e nella salute delle ossa e del cuore. Quindi abbastanza importante. La vitamina K ha due diversi tipi: vitamina K1 (fillochinone) e varie forme di vitamina K2 (menachinone). Di solito ottieni molta vitamina K1 da alimenti a base vegetale, anche se il tuo corpo assorbe a malapena la vitamina K1. Quindi devi mangiare abbastanza. La vitamina K2 è prodotta dai batteri e si trova in piccole quantità negli alimenti fermentati, nei latticini, nella carne e nelle uova.

Cosa fa la vitamina K al tuo corpo?

La vitamina K contribuisce a varie funzioni corporee. Ciò garantisce una buona circolazione sanguigna e previene la coagulazione del sangue. Inoltre, aiuta l’assorbimento di minerali come il calcio e ti dà ossa forti e un cuore sano.

Quali sono i sintomi della carenza di vitamina K?

Sebbene la carenza di vitamina K sia rara, può avere conseguenze spiacevoli per alcune persone. Può peggiorare la circolazione sanguigna, indebolire le ossa e aumentare il rischio di malattie cardiache.

READ  Il più grande diamante alieno trovato nel meteorite

Gli adulti che usano antibiotici per lungo tempo possono avere una carenza di vitamina K, che può portare a un ritardo nella coagulazione del sangue.

Per questo motivo, è importante assumere una quantità sufficiente di questa vitamina nella dieta. La quantità giornaliera raccomandata di vitamina K1 è di 70 microgrammi al giorno per gli adulti di età superiore ai 18 anni, secondo il Netherlands Nutrition Center.

Sintomi di carenza di vitamina K

Il sintomo principale della carenza di vitamina K è il sanguinamento eccessivo. I seguenti disturbi possono anche indicare una carenza di vitamina K:

  • Sanguinamento improvviso (spesso sangue dal naso o gengive sanguinanti)
  • Coagulazione del sangue ritardata, che causa sanguinamento prolungato dalle ferite
  • Molta perdita di sangue durante le mestruazioni
  • Lividi facilmente e spesso
  • Coaguli di sangue sotto le unghie
  • Feci nere (con sangue)

    Vitamina K e bambini

    I neonati possono essere carenti di vitamina K perché non ne hanno assunto abbastanza durante la gravidanza. È perchè:

    • la vitamina K non può raggiungere il nascituro attraverso la placenta
    • il bambino non aveva abbastanza batteri intestinali per produrre abbastanza vitamina K

      La conseguenza? Il neonato è quindi a rischio di gravi emorragie. Questo è il motivo per cui tutti i bambini ricevono goccioline di vitamina K dopo la nascita. I bambini allattati al seno hanno bisogno di 150 microgrammi di gocce di vitamina K per le prime 12 settimane. I cibi in bottiglia contengono già abbastanza vitamina K.

      Nei neonati, potrebbe esserci una carenza di vitamina K quando:

      • i bambini sanguinano dove è stato rimosso il cordone ombelicale
      • i bambini sanguinano dentro/vicino alla pelle, al naso o al tratto gastrointestinale
      • i bambini hanno sanguinamento improvviso nel cervello (questo può essere pericoloso per la vita)
      READ  Gelo polare a metà aprile, temperature eccezionali da record

        Come ottenere la vitamina K?

        Per assumere una quantità sufficiente di vitamina K, è importante mantenere una dieta sana e varia ogni giorno.

        Cosa contiene la vitamina K?

        La vitamina K1 è la forma più comune e si trova principalmente negli alimenti vegetali. La vitamina K2, invece, si trova principalmente negli alimenti di origine animale o fermentati.

        buone fonti di vitamina K1 sono: cavoli, spinaci, broccoli, cavoletti di Bruxelles, fagiolini, olio d’oliva, margarina, prugne e kiwi. Altri esempi possono essere trovati qui. (Aggiungi collegamento)

        buone fonti di vitamina K2 sono: latte (prodotti), carne, uova, cereali, fegato e formaggio. Curioso di prodotti più specifici? Potete trovare qui. (Aggiungi collegamento)

        Integratori di vitamina K

        La carenza di vitamina K è piuttosto rara, ma ci sono alcune cose a cui prestare attenzione. I cibi occidentali contengono principalmente vitamina K1, ma la vitamina K2 (menachinone), invece, è prodotta da batteri e si trova in piccolissime quantità nei latticini, nei crauti e nelle uova. Di conseguenza, vegetariani e vegani possono essere suscettibili alla carenza di vitamina K. Ti riconosci nei sintomi di cui sopra? Quindi consulta il tuo medico o un nutrizionista per verificare se soffri di carenza di vitamina K. Gli integratori di vitamina K possono essere utili anche per le persone che assumono antibiotici per lungo tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *