Nonostante l’euroscetticismo, Meloni ha molto da guadagnare da un buon rapporto con Bruxelles

Nonostante l’euroscetticismo, Meloni ha molto da guadagnare da un buon rapporto con Bruxelles

“La festa è finita”, ha minacciato in campagna elettorale il nuovo presidente del Consiglio Giorgia Meloni. Si riferiva alla “festa” delle regole dei burocrati “non mondani” di Bruxelles a spese dell’Italia e dell’uomo o della donna comune della strada, secondo lei.

Bruxelles non dovrebbe intromettersi nelle “vongole di diametro” nelle vongole o nella “politica di genere”, ma dovrebbe invece concentrarsi su come aumenta la sua indipendenza energetica, sogghignò Meloni. Se salisse al potere, ignorerebbe tale scouting tecnocratico delle zanzare, ha promesso il populista di destra ai suoi sostenitori.

Giovedì è stata la prima donna premier italiana a recarsi a Bruxelles per una visita introduttiva ai presidenti della Commissione europea, del Consiglio europeo dei capi di governo e del Parlamento europeo. È stato il primo viaggio all’estero di Meloni nel suo nuovo ruolo, parte di una serie di visite a leader internazionali. I diplomatici hanno interpretato il fatto che, nonostante il suo euroscetticismo, abbia scelto la sede dell’Ue come punto di partenza come “simbolico” e un segnale cautamente positivo. Ecco come è stato pianificato, secondo gli addetti ai lavori.

Radici postfasciste

La donna, il cui partito Fratelli d’Italia ha radici nel movimento postfascista e che ha stretti legami con l’ungherese “Viktator” Orbán, l’ha conosciuta in anticipo. Nei corridoi di Bruxelles abbiamo ipotizzato per giorni come si sarebbe comportata nei confronti di Ursula von der Leyen in particolare. Poco prima delle elezioni italiane di settembre, il presidente della Commissione ha lasciato intendere che un possibile governo di destra radicale guidato da Meloni potrebbe minare la democrazia.

READ  Origi trova una nuova sfida in Italia dopo aver lasciato il Liverpool

Allo stesso tempo, la Commissione von der Leyens deve approvare un’altra tranche di erogazione del valore totale di 191 miliardi di euro in prestiti corona a basso costo e sovvenzioni all’Italia. Poiché Roma, in quanto maggiore beneficiaria del fondo di stimolo corona, ha ricevuto finora “solo” più di 45 miliardi di euro, Meloni ha davvero bisogno di Bruxelles.

La grande domanda di giovedì era quanto fortemente possa cercare di indebolire la considerazione di von der Leyen per quell’iniezione di miliardi di dollari concordata sotto il governo precedente. E: chiederebbe ancora più sostegno europeo all’Italia a causa della crisi energetica che sta facendo salire il già elevatissimo debito italiano e mettendo in difficoltà l’economia?

Prestiti europei

Con grande orrore di Germania e Paesi Bassi, il predecessore di Meloni – l’ottimo ex presidente della Banca centrale europea a Bruxelles Mario Draghi – aveva già sostenuto un nuovo passaggio europeo ai mercati dei capitali per prendere in prestito denaro per aiutare i cittadini e le imprese con i loro alti bollette energetiche. . Draghi il mese scorso ha ricevuto il sostegno immediato del commissario italiano dell’UE (ed ex primo ministro) Paolo Gentiloni e del suo collega francese Thierry Breton.

Meloni è anche favorevole ai nuovi prestiti da Bruxelles. Inoltre, durante il suo primo discorso al parlamento italiano la scorsa settimana, ha spiegato cosa si aspetta dalle auspicate rinegoziazioni degli accordi di stimolo corona con la Commissione europea. Secondo il politico, i bandi per progetti di riforma riguardanti, tra l’altro, clima e digitalizzazione devono essere adeguati a causa del forte aumento dei costi dei materiali e dei combustibili. Vuole inoltre che si presti maggiore attenzione alla sicurezza energetica.

READ  L'organista italiano Manuel Tomadin al Grote Kerk

La Commissione ha ripetutamente sottolineato questa settimana che non è possibile adeguare il piano italiano di ripresa dalla corona. Ciò aprirebbe il vaso di Pandora, poiché anche altri paesi dell’UE vogliono sbarazzarsi di alcune riforme. La stessa Bruxelles era curiosa del bilancio italiano per il prossimo anno che Meloni sta preparando. Sebbene nel 2023 le rigide regole fiscali europee saranno ancora annullate a causa del coronavirus e della crisi energetica, la Commissione ha già affermato che questo non è un permesso per gli Stati membri con un enorme debito nazionale di lasciar andare le cose.

Riduzione delle tasse

Meloni dice di favorire la riduzione del debito e la disciplina fiscale, ma sa che la mossa è in contrasto con i tagli alle tasse che ha promesso. Si augura quindi che la revisione in corso delle regole di bilancio dell’UE porti a una maggiore tregua per l’Italia. Non ci riuscirà, si rende conto il presidente del Consiglio italiano, se continuerà a inimicarsi Bruxelles secondo la sua retorica elettorale.

Anche la Commissione preferisce irradiare l’unità europea piuttosto che discutere con uno dei maggiori Stati membri in tempo di guerra. Ecco perché in seguito entrambe le parti si sono mantenute a dichiarazioni brevi e amichevoli. “Parlare direttamente con le persone aiuta” a chiarire le sciocchezze su di noi, ha detto Meloni. “Non siamo marziani, ma persone reali.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *