Nuove foto nitidissime dell’universo, stella morente e nebulosa con nuove stelle

Nuove foto nitidissime dell’universo, stella morente e nebulosa con nuove stelle

Nuove foto nitidissime dell’universo, stella morente e nebulosa con nuove stelle

Notizie ONS

Le agenzie spaziali NASA (USA), ESA (Europa) e CSA (Canada) hanno rilasciato quattro nuove immagini e misurazioni dal telescopio spaziale James Webb. Le immagini includono una stella morente e una nebulosa in cui si formano costantemente nuove stelle.

Il telescopio Webb ha anche effettuato misurazioni attorno a un esopianeta, che orbita attorno a una stella diversa dal nostro sole. Le misurazioni mostrano tracce di nuvole e acqua.

Guarda tre delle nuove immagini qui sotto:

  • NASA, ESA, CSA, STScI

    La Nebulosa Carina, in cui si formano nuove stelle da “montagne” di gas e polvere
  • NASA, ESA, CSA, STScI

    Misurazioni dell’atmosfera dell’esopianeta WASP-96 b, in cui sono state trovate tracce di acqua e nuvole
  • NASA, ESA, CSA, STScI

    Il Quintetto di Stephan, composto da cinque diverse galassie nella costellazione del Pegaso

Gli oggetti mappati da Webb non sono nuovi. La novità è la nitidezza delle immagini. “Sono molto impressionato da ciò che ho visto”, afferma l’astronomo Lucas Ellerbroek in una reazione. “È incredibile quanto velocemente otteniamo informazioni aggiuntive rispetto a quelle che avevamo prima”.

Ellerbroek fa riferimento alle informazioni del famoso telescopio Hubble, il predecessore di Webb. “Puoi confrontare la differenza di qualità con le fotocamere dei primi cellulari e quelle di oggi. Oppure con la nitidezza con cui puoi vedere improvvisamente se hai problemi di vista e indossare occhiali nuovi. Ad esempio, ora possiamo anche osservare la luce più debole da sorgenti e la luce infrarossa con una lunghezza d’onda più lunga di quella che Hubble potrebbe rilevare”.

Non una, ma due stelle

Ad esempio, si sapeva già che al centro della cosiddetta Nebulosa Anello Sud non c’erano una ma due stelle, ma questo non era visibile nell’immagine di Hubble. Nella foto del telescopio Webb, al centro si possono vedere due sfere di luce.

Scopri le differenze tra le immagini di Hubble e Webb di seguito:

  • NASA/The Hubble Heritage Team (STScI/AURA/NASA)

    La Nebulosa dell’Anello Sud, catturata dal telescopio Hubble nel 2008
  • NASA, ESA, CSA, STScI

    La nebulosa dell’anello sud, catturata dal telescopio Webb
  • NASA, ESA, CSA, STScI

    Una seconda immagine Webb di questa nebulosa, che mostra anche le due stelle

Secondo Ellerbroek, il valore aggiunto del telescopio Webb è che molte domande rimaste senza risposta fino ad ora possono trovare presto una risposta con un’immagine più nitida e migliore. In questo modo, il telescopio può “vedere” colori che prima non erano visibili, o meno bene.

Ciò riguarda principalmente la tavolozza dei colori nell’atmosfera degli esopianeti, ad esempio, che si trovano al di fuori del nostro sistema solare, spiega Ellerbroek. Questo spettro di colori, che appare perché alcune sostanze vengono assorbite dall’atmosfera e altre no, può essere utilizzato per dipingere un’immagine realistica di un pianeta, dice.

“Ad esempio, alcuni colori indicano l’acqua”, spiega l’astronomo. “E ora ci sono molti altri colori che possiamo vedere all’improvviso, in cui sono visibili altre sostanze. Otteniamo molte informazioni aggiuntive. E Webb sarà il fornitore di nuove scoperte sui pianeti al di fuori del nostro sistema solare”.

Galassie vecchie di miliardi di anni

Questa foto è stata postata ieri sera:

NASA, ESA, CSA, STScI

L’ammasso SMACS 0723, con un ammasso di galassie di 4,6 miliardi di anni in primo piano

La foto sopra mostra solo una piccolissima parte dell’universo, dice l’astronomo Ewine van Dishoeck, che ha contribuito a sviluppare il telescopio Webb per 30 anni. “È una parte grande come un granello di sabbia a distanza di un braccio. Ma questa minuscola parte dell’universo è piena di galassie”.

La prima luce

È intenzione che Webb fornisca presto un’immagine del primo sviluppo dell’universo. Nei prossimi mesi, il telescopio andrà “molto oltre” di quanto non faccia ora, afferma Van Dishoeck.

“Torniamo davvero alle prime stelle, alla prima luce, alle prime galassie”, spiega. “Il telescopio arriverà quindi tra 50 e 100 milioni di anni dopo il Big Bang. Webb ci dirà molto sulla nostra origine”. In confronto, il telescopio Hubble è arrivato 450 milioni di anni dopo il Big Bang.

Il Webb Telescope, la cui costruzione è costata quasi 10 miliardi di dollari, è stato lanciato il giorno di Natale. Scienziati di tutto il mondo hanno lavorato al progetto per decenni.

Ecco come funziona il telescopio spaziale James Webb:

  • ILLUMINATO

    Ecco come appare il telescopio spaziale James Webb
  • ILLUMINATO

    Che aspetto ha il telescopio spaziale James Webb?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *