Nuovi requisiti per la vendita di case in sospeso, PVV cambia improvvisamente idea |  Interni

Nuovi requisiti per la vendita di case in sospeso, PVV cambia improvvisamente idea | Interni

Martedì, il deputato del PVV Alexander Kops ha definito il piano del ministro Hugo de Jonge (Edilizia pubblica) una “ottima idea”. De Jonge vuole la legge sulla casa regolare, in modo che i comuni abbiano la libertà di assegnare alloggi occupati dai proprietari fino a 355.000 euro solo a persone con redditi bassi o medi.

I partiti di governo VVD e D66 sono contrari, ma i partiti di governo CDA e ChristenUnie sono favorevoli. Tra l’altro perché protegge gli acquirenti con uno stipendio medio rispetto agli acquirenti con un grosso portafoglio. Il disegno di legge sembrava poter contare su una maggioranza grazie al sostegno dell’opposizione, compreso il PVV. Kops ha definito il piano buono per “i normali olandesi che lavorano sodo, l’ufficiale di polizia, l’infermiera, l’insegnante”. Quando gli è stato chiesto se sostenesse questa parte della legge, ha risposto di sì.

Ma giovedì pomeriggio, Kops ha inaspettatamente annunciato tramite Twitter che il suo partito non avrebbe sostenuto la legge se fosse stata applicata anche alle case esistenti occupate dai proprietari. Secondo Kops, “il PVV è contrario ai comuni che determinano a chi puoi vendere la tua casa”. Senza il supporto del PVV, è improbabile che i piani di De Jonge ricevano un sostegno sufficiente.

Non si sa cosa sia successo da mercoledì pomeriggio. Non è stato possibile raggiungere Kops per un commento. In precedenza è stato anche fischiato dal leader del suo partito Geert Wilders su un piano di gabinetto per eliminare gradualmente il sussidio per i proprietari di pannelli solari. Kops in seguito ha affermato nel dibattito di aver sostenuto quel piano, ma Wilders in seguito ha detto che il partito non l’avrebbe fatto.

READ  ecco i migliori> CCSNews.it

Durante il dibattito di mercoledì scorso sulla nuova legge sulla casa, Kops si è rivelato uno dei più feroci difensori dei piani di De Jonge. I comuni hanno sollecitato il governo a dargli l’opzione legale di concentrarsi maggiormente sul mercato proprietario-occupante. Ora, a volte è difficile per chi ha redditi più bassi fare offerte nel ristretto mercato della proprietà della casa contro persone con più da spendere. Nel piano, i comuni hanno la libertà di non concedere ai potenziali acquirenti più facoltosi un permesso per una casa del valore fino a 355.000 euro.

Ma tutto ciò è ora incerto se accadrà ancora. Si voterà martedì prossimo. Al momento, un emendamento VVD che esonera le case esistenti occupate dai proprietari dalle nuove regole riceverà la maggioranza, il che significa che il piano controverso è irrilevante.

Per inciso, molto probabilmente verranno approvati ulteriori emendamenti alla legge sugli alloggi. I comuni saranno presto autorizzati a stabilire maggiori requisiti per le nuove case e le unità in affitto. Questi possono ora essere in parte riservati a richiedenti alloggio nel proprio comune. Presto, anche i comuni potranno dare la priorità a persone che lavorano in determinate professioni carenti, come insegnanti e agenti di polizia. C’è una maggioranza a favore di questi piani.

Ascolta anche il nostro podcast Politics Close e iscriviti tramite Spotify O Mela:

Guarda tutti i nostri video di politica qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *