Nuovo attacco al movimento Navalny: bottiglia con sostanza chimica gettata nel sedile. Malattia per tre sostenitori

Mentre lo shock entra Russia e Germania sul caso Navalny continua, con il ministero degli Esteri di Mosca che convoca l’ambasciatore e portavoce di Berlino Maria zakharova chiedendo al governo tedesco di fornire prove dell’avvelenamento, accusandolo bluff, registri un nuovo raid con prodotti chimici contro i sostenitori del blogger dissidente.

Il Cnn, citando “attivisti dell’opposizione”, lo riferisce due uomini in tuta da ginnastica e con il faccia coperta scoppiò nella sede di Coalizione di Novosibirsk 2020 e ne gettarono uno dentro bottiglia con un non specificato liquido giallo con un odore pungente. Tre volontari hanno inalato la sostanza e si sono sentiti male, secondo quanto riportato da Olga Guseva, il responsabile del progetto Navalny a Novosibirsk, “e l’hanno fatto vertigini, convulsioni e non potevano respirareLa donna ha fornito anche altri dettagli, spiegando che uno degli aggressori “teneva la porta, l’altro ha gettato la bottiglia con il liquido”, mentre una cinquantina di persone erano all’interno della porta. struttura.

I tre pazienti sono stati portati in ospedale e, dopo la guarigione, sono stati dimessi. La polizia russa ha detto che la bottiglia conteneva un farmaco chiamato Dorogov, utilizzato in medicina veterinaria come antisettico e antinfiammatorio, ha affermato il capo dell’ufficio locale di Navalny, Serghiei boiko, tratto dalla rivista online Stupito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo svolgendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste agli esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Il ministro degli Esteri spagnolo a Milano con Di Maio, parla in italiano e manda un “saluto affettuoso” alla Lombardia: “Il mio Paese capisce”

seguente


READ  Il vaccino contro il coronavirus russo non convince gli scienziati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *