Nuovo ritardo nella costruzione di un impianto di gas estero a Zuidbroek |  ADESSO

Nuovo ritardo nella costruzione di un impianto di gas estero a Zuidbroek | ADESSO

Un impianto di azoto a Zuidbroek che deve convertire gas estraneo in gas adatto nei Paesi Bassi sta subendo nuovamente ritardi. Inizialmente, la fabbrica avrebbe dovuto essere pronta ad aprile, ma secondo i piani attuali, il completamento è previsto per novembre, riferisce il direttore Gasunie. Ciò con irritazione del segretario di Stato Hans Vijlbrief per gli affari economici.

L’impianto è necessario perché i Paesi Bassi importano molto gas che non è adatto alle famiglie. Con l’aiuto dell’azoto, questo gas estraneo, proveniente ad esempio dalla Norvegia, può essere trasformato nel cosiddetto gas a basso potere calorifico, adatto ad esempio per cucinare. Ciò consente di interrompere l’estrazione di gas a Groningen a causa dei terremoti nella regione.

Ma la costruzione della fabbrica non procede senza intoppi. C’è stato un ritardo di sei mesi, in parte perché gli appaltatori non erano d’accordo tra loro. La scorsa estate segnalato Gasunie ha annunciato che l’impianto sarebbe stato completato in ottobre. Ora sono di nuovo quattro settimane rinviato. Non è specificato il motivo del nuovo rinvio.

Gasunie afferma che il ritardo non significa che sia necessario estrarre ulteriore gas dal suolo di Groningen. Il governo non vuole farlo comunque. Se c’è una carenza di gas da qualche parte nel prossimo futuro, più gas da Groningen è l’ultima opzione.

Vijlbrief riferisce di essere deluso dal fatto che lo stabilimento Zuidbroek di Groningen stia impiegando ancora più tempo.

READ  Il prezzo del gas aumenta molto di più: "L'inverno sarà molto noioso"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *