Omicidio di Vanessa Zappalà, il padre: “Antonio Sciuto aveva messo il gps nell’auto di mia figlia”

“Abbiamo scoperto che Antonio Sciuto aveva posizionato un GPS sotto l’auto di mia figlia. Era riuscito a intrufolarsi nel giardino di casa nostra, per sentire quello che dicevamo attraverso una pipa”: Carmelo, il papà di Vanessa Zappalà, si è scatenato oggi con Repubblica dopo la morte della 26enne uccisa sul lungomare di Aci Trezza dall’ex fidanzato che è stato poi ritrovato impiccato. E attacca il giudice che non ha convalidato il suo arresto dopo la denuncia per molestie criminali: “La sua morte è una sconfitta per lo Stato”. Un noto venditore di auto a San Giovanni La Punta, l’ha uccisa sparando sette colpi da un cal. 7,65 alla testa, ad Acitrezza, frazione marinara di Aci Castello e zona molto frequentata dalla Movida estiva di Catania. Poi si è suicidato.

L’omicidio di Vanessa Zappalà ad Aci Trezza

Quando lei, insieme a quattro suoi amici, lo vide arrivare in macchina, tentò di scappare, ma lui si unì a lei e l’uccise. È morta sul colpo, un suo amico è stato imbrattato. Lo aveva denunciato il 1 giugno. Otto giorni dopo, i carabinieri lo hanno arrestato sul fatto, per l’ennesima perquisizione nella sua abitazione. E il pm aveva chiesto gli arresti domiciliari, “tenendo conto del concreto e attuale pericolo che potesse persistere nel suo comportamento illecito”. Il giudice delle indagini preliminari, invece, ha ritenuto sufficiente “il divieto di avvicinare l’infortunato e i luoghi da lui frequentati”. “Puoi contare sul rispetto spontaneo delle prescrizioni da parte dell’indagato (senza precedenti e precisi precedenti penali)”, ha scritto il gip Andrea Filippo Castronuovo.

L’omicidio di domenica sera è stato ripreso dalle telecamere. Vanessa era uscita a fare una passeggiata con un amico e altri due ragazzi quando è arrivata la 500 di Sciuto. Gli ha detto di andarsene perché altrimenti avrebbe chiamato i fucilieri, ha detto uno degli amici. “Continuava a fissarla. Siamo scappati. Ma lui uscì e si unì a lei. La temeva per i capelli e tirava. In un taccuino che racconta ancora il giornale, il giovane di 26 anni aveva annotato tutti gli ultimi rastrellamenti a Sciuto: “Due giugno, davanti al panificio dove lavoro: 10:35 e 13:05. 3 giugno: 9:45 4 giugno: 20:13 5 giugno: 12.05”. Il 7 giugno si è presentato davanti alla casa: “15:58; 17:15 17.26; 18.47; 18.50”. E poi annota: “Ho angoscia, paura, paura. Ha messo un gps sotto la mia macchina, mi segue ovunque”.

READ  Il Consiglio Federale ha respinto il ricorso del Chievo, il Cosenza può chiedere la riammissione in B.

Antonio Sciuto trovato impiccato a Trecastagni

Sciuto, separato e con due figli minorenni, è stato trovato morto nel pomeriggio: si è suicidato impiccandosi in una villetta di proprietà di un familiare nelle campagne della contrada Trigona a Trecastagni, città dove abitava la vittima. Sul muro, ha lasciato una scritta “Ti amo” di scuse ai suoi genitori e ai suoi figli, ma nessuna menzione di Vanessa. Per ritrovare il cadavere, i carabinieri che avevano scoperto la Fiat 500 hanno commesso l’omicidio. L’auto è stata noleggiata e all’interno sono stati trovati altri 28 proiettili già pronti. Dettagli inquietanti emergono dal profilo Facebook dell’assassino: si possono vedere selfie con auto e moto di lusso, anche a torso nudo che mostrano una corona tatuata sul petto. E poi immagini prese dai social che sembrano oggi segnali di allarme, come quella di Scarface e la sua celebre frase “Non dimentico niente, aspetto solo il momento giusto”.

Un’immagine salta con arroganza alla foto di un uomo e una donna schiena contro schiena su un terrazzo: gli punta la pistola alla testa e sulla schiena ci sono le parole “Ti amo” E anche la scritta cliché, nera su bianca stone, ‘I migliori inizi vengono dopo le peggiori fini’. Invece, nella sua denuncia, ha raccontato la storia con lui: “Ci siamo fidanzati a maggio dello scorso anno. È stato un mese terribile. Una volta mi ha preso a calci e pugni in varie parti del mio corpo e ha distrutto la mia casa. Ero così spaventato. Ma all’epoca non ebbi il coraggio di sottolinearlo. Ma poi l’ho lasciato il 27 febbraio. Continuò a seguirmi, una sera si intrufolò in casa sua dicendo: “Vattinni che fa la buttana con i tuoi cugini, ti sono sempre vicino”. Oppure: “Divertiti con Tik Tok, che mi godo dopo””. E ha chiuso così la denuncia: “Chiedo un provvedimento urgente perché temo per la mia incolumità e quella della mia famiglia. Penso di essere una persona molto violenta e pericolosa”.

Leggi anche:

READ  codice, disegni e cosa vincere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *